Pericoloso malware si spaccia per Netflix e viene diffuso su WhatsApp

Purtroppo su WhatsApp non c’è da stare affatto tranquilli. L’ultimo allarme è quello di malware che si spaccia per Netflix promettendo ben 2 mesi gratis sulla piattaforma di streaming più famosa al mondo. I cellulari vittima di questo pericoloso raggiro sono quelli aventi il sistema Android. In particolare, il tutto nasce dal un’applicazione facilmente scaricabile da Play Store e che si annuncia come collegabile automaticamente a Netflix. Dopo averne rubato la famosa icona, ovviamente, in modo illegale, arriva a diffondere il malware in questione servendosi dell’applicazione di WhatsApp. Così, il cellulare si fa portatore un virus informatico inviando il malware a tutti i contatti, mentre l’utente rischia i suoi dati personali, tra cui anche conti bancari ecc.

Il malware che si spaccia per netflix, l’allarme

L’applicazione in questione si chiama FlixOnline e si presenta come una sorta di portale che permette a chiunque di godere dei contenuti della piattaforma. Una volta che la si scarica, il malware arriva a monitorare anche le notifiche che riceviamo su WhatsApp.

Infatti, durante l’installazione, senza troppi giri di parole, la stessa applicazione chiede all’utente dei permessi chiari e inequivocabili. Dopo questa prima fase iniziale passa all’azione inviando a ogni messaggio che ci arriva su WhatsApp con un test che promette ben 2 mesi gratis di Netflix. Nello specifico, il testo vero e proprio è il seguente:

 2 mesi gratis di Netflix Premium per via del lockdown da Coronavirus* Ottieni 2 mesi gratis di Netflix Premium in tutto il mondo per 60 giorni. Premi QUI https://bit[.]ly/3bDmzUw”.

Qualora si cliccasse sul link si scaricherebbe a sua volta un altro malware da server remoto controllato da un hacker anonimo. Per fortuna, però, adesso non si corre alcun rischio dato che i ricercatori di Check Point Research hanno fatto presente il malware a Google. 

Così, di conseguenza, l’applicazione della FlixOnline non è più presente su Play Store, anche se è stata scaricata per la bellezza di 500 volte. Infine, tutti questi utenti che sono caduti nel tranello hanno la possibilità di liberarsi dell’app eliminandola quanto prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *