Aumento busta paga di 700 euro al mese: da maggio grande sorpresa per i lavoratori

C’è una categoria di lavoratori dipendenti che, a partire dal mese di maggio, riceverà €700 in più in busta paga.

Il bonus a cui stiamo facendo riferimento interessa sì ai lavoratori dipendenti del settore privato che chi lavora nella pubblica amministrazione. Lo scopo del beneficio è quello di offrire un sostegno economico ad una determinata categoria di lavoratori che, stando ai dati raccolti, sono svantaggiati a causa di una particolare condizione personale.

€700 in più in busta paga
A partire da maggio il cedolino sarà più ricco – InformazioneOgg.it

Conciliare vita familiare e vita lavorativa è piuttosto complesso, soprattutto quando si hanno bambini piccoli. Molte famiglie godono del sostegno di una rete familiare, che gli permette di gestire nel migliore dei modi lavoro e famiglia. Ma non tutti hanno questa fortuna e molti genitori lavoratori si ritrovano a barcamenarsi da una parte all’altra, tra orari da rispettare, impegni lavorativi e molto altro ancora.

Questa situazione è piuttosto diffusa tanto da sfavorire la natalità, in Italia. Molti giovani coppie, infatti, sono scoraggiati all’idea di avere figli proprio perché consapevoli delle difficoltà a cui andrebbero incontro.

700 euro in più in busta paga: il bonus per le mamme lavoratrici

Il bonus per le mamme lavoratrici prevede l’erogazione di €700 in più in busta paga a partire dalla mensilità di maggio 2024. Si tratta di un contributo che sarà indirizzato sia ai dipendenti del settore privato che a quelli del pubblico impiego. Le dipendenti statali che ad oggi non hanno ancora ricevuto il bonus, a partire da maggio otterranno anche gli arretrati.

a partire da maggio il cedolino sarà più ricco
Bonus mamme lavoratrici – Infomrazioneoggi.it

Il beneficio economico a cui stiamo facendo riferimento è il famoso sgravio contributivo che può arrivare ad un valore massimo di €3000 all’anno. Si tratta di un’iniziativa che interessa le mamme lavoratrici dipendenti che hanno stipulato un contratto a tempo indeterminato. Per il momento sono escluse da questo bonus le mamme con contratti a tempo determinato.

Il bonus è stato approvato dalla Manovra di bilancio 2024 e permette di accedere all’esenzione dal pagamento dei contributi pensionistici per le lavoratrici che hanno almeno due figli. Così facendo questa categoria di dipendenti avrà la possibilità di notare un incremento dello stipendio. Il bonus varia in base al reddito e allo scaglione IRPEF di appartenenza. Non è necessario presentare alcuna richiesta perché viene riconosciuta automaticamente dal datore di lavoro.

Il contributo economico sarà riconosciuto da gennaio 2024 fino a dicembre 2026, a meno che non vengano meno i requisiti per ottenerlo. Anche se non è necessario presentare richiesta, le lavoratrici devono consegnare al datore di lavoro una dichiarazione scritta in cui confermano di essere in possesso di tutti i requisiti necessari per accedere al bonus.

Impostazioni privacy