Modello 730 più semplice: segui questi step e non commetti errori

Importante novità quella della compilazione semplificata del 730 per procedere in autonomia: i dettagli e occhio alla questione errori da sapere

A partire da quest’anno arriva una preziosa novità per i contribuenti,che potranno usufruire della compilazione precompilata del 730, procedendo in autonomia. Lavoratori e pensionati, quindi, avranno di presentare la dichiarazione dei redditi facendo riferimento al percorso guidato.

Compilazione semplificata 730
Compilazione semplificata 730: novità, come funziona e occhio ad eventuali errori – informazioneoggi.it

Nel dettaglio, occorrerà la conferma o meno dei dati rispetto ai redditi prodotti, le spese da scaricare, e ancora riguardo i familiari a carico. Tutti aspetti che si riverseranno poi nella dichiarazione in modo automatico e dunque in maniera tale che non sarà richiesto l’intervento manuale nei quadri.

Ciò quanto previsto dalla riforma fiscale, che non prevede quindi una competenza di natura fiscale per i soggetti interessati. Tuttavia, è bene approfondire se ciò è sempre possibile o possono esserci dei casi in cui sarebbe meglio far rifermento e rivolgersi ad esperti del settore.

Anzitutto, può esser utile approfondire in maniera sintetica e parziale, i principali dati di reddito e spesa presenti nel 730 pre-compilato, anche quello su cui agire in autonomia. È il caso anzitutto dei dati presenti nella Certificazione Unica, inviata all’Entrate dai sostituti di imposta. E quindi i dati dei familiari a carico, i redditi da lavoro dipendente/pensione, i commenti di lavoro autonomo occasionale e così via.

Poi, gli onori deducibili oppure detraibili e rimborsi, anche per i familiari a carico, che vengono individuati secondo i dati di cui dispone l’Entrate. Si passa poi alle info presenti nella dichiarazione dell’anno prima, come i dati inerenti terreni e fabbricati, i crediti di imposta e le eccedenze riportabili, o ancora gli oneri tramite cui spetta la detrazione riparabile in più rate annuali.

E per concludere, in sintesi, ulteriori dati contenuti nell’Anagrafe tributaria, come le info presenti all’interno delle banche dati immobiliari, pagamenti e compensazioni fatti in F24 e così via.

LEGGI ANCHEBonus fino a 760 euro nel 730 2024, non perdere l’occasione, sono molti a non saperlo e perdono i soldi

Compilazione semplificata 730, se dichiarazione è complessa attenzione ai possibili errori

Una novità importante, dunque, quella che si lega alla compilazione semplificata 730, a cui procedere in autonomia, con tanti aspetti da approfondire e con l’attenzione da riservare a specifici dettagli, onde evitare di incorrere in possibili errori.

All’interno della dichiarazione, fra le spese detraibili, si trovano ad esempio quelle sanitarie e rimborsi, premi assicurativi, contributi previdenziali ed altre voci, così come all’interno del modello pre-compilato troveranno spazio anche i contributi oggetto di versamento per lavoratori domestici. E ancora, le spese inerenti la frequenza degli assili nido e rimborsi, quelle per l’istruzione scolastica ed universitaria e rimborsi, le erogazioni liberali verso le ONLUS, ecc.

Poiché le info immesse dall’Entrate nel 730 pre-compilato sono numerose, i contribuenti dovranno aver a che fare con molti dati. Tramite la compilazione semplificata, a disposizione dei soggetti in maniera analitica vi sono le info come redditi, onori detraibili e così via, che si possono modificare o confermare.

In virtù della riforma fiscale, è possibile accedere a tali info tramite i contribuenti titolari dei redditi di lavoro dipendenti e assimilati, in una specifica sezione riservata del portale online dell’Entrate, attraverso un percorso semplificato e guidato.

LEGGI ANCHE: ISEE precompilato da casa: l’INPS rende noto il procedimento corretto

Una volta confermati oppure modificati i dati, quesi saranno automaticamente riportati all’interno della dichiarazione, da poter presentare telematicamente.

Visto dunque il funzionamento in generale della compilazione semplificata del 730, potrebbero esserci anche dei casi in cui per il soggetto sarà necessario agire sulla dichiarazione, per modificarla. Ad esempio se il familiare non possegga i requisiti tali da venir ritenuto a carico dal punto di vista fiscale, o anche qualora a sostenere la spesa sia stato un altro soggetto o in una diverse percentuale al confronto di quanto risulta dal prospetto.

In tali casi, al fine di comprendere quanto e come si possa scaricare la spesa occorreranno determinate competenze di natura fiscale, si dovranno approfondire le pagine delle istruzioni per compilare il 730.

In buona sostanza, la possibile di far ricorso alla compilazione semplificata oppure ordinaria del 730 c’è, tuttavia la presentazione della dichiarazione in maniera autonoma si lega alla situazione di ciascuno, ovvero alla relativa o meno complessità. In alcuni casi occorrerà consultare i professionisti oppure il CAF così da non incorrere in eventuali errori nella compilazione.

Impostazioni privacy