Esenzione ticket sanitario: se rientri tra queste categorie non perdere tempo e scopri come risparmiare un bel po’ di soldi

Alcuni soggetti sono esonerati dal pagamento del ticket sanitario. Quali sono i requisiti per accedere al beneficio e come si richiede? Scopriamolo.

Il ticket sanitario è il contributo economico che devono versare coloro che usufruiscono di particolari prestazioni sanitarie, incluse nei cd. LEA (Livelli Essenziali di Assistenza). Vi rientrano le visite specialistiche e gli esami di diagnostica strumentale e di laboratorio e le prestazioni non urgenti rese in Pronto Soccorso.

esenzione ticket sanitario
In alcuni casi spetta l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario – informazioneoggi.it

Alcune categorie di persone, tuttavia, hanno diritto all’esenzione dal versamento del ticket. In particolare, si tratta di coloro che:

  • non superano un determinato reddito;
  • sono affetti da malattie croniche o rare;
  • hanno ottenuto il riconoscimento di uno stato di invalidità;
  • si trovano in particolari condizioni, come la gravidanza, o necessitano di diagnosi precoci.

Vediamo, dunque, quali sono i presupposti per usufruire dell’agevolazione e qual è la procedura per richiederla.

Leggi anche: “Ottieni subito l’Esenzione Ticket C02, la lista di tutto quello che non paghi“.

Esenzione ticket sanitario: chi può beneficiarne?

L’esenzione dal ticket sanitario è riconosciuta ai:

  • cittadini di età inferiore a 6 anni e superiore a 65 anni, membri di nuclei familiari con un reddito annuo non superiore a 36.151,98 euro (CODICE E01);
  • disoccupati e inoccupati (e i loro familiari) che fanno parte di nuclei con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro, che sale a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e di ulteriori 516,46 euro per ciascun figlio a carico (CODICE E02);
  • percettori di pensioni sociali e i loro familiari a carico (CODICE E03);
  • titolari di pensioni al minimo over 60 e i loro familiari a carico, componenti di nuclei familiari con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro, aumentato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e di ulteriori 516,46 euro per ciascun figlio a carico (CODICE E04).

Chi rientra in una di tali categorie deve inviare un’autocertificazione con la quale accerta di possedere i requisiti richiesti. Se si vuole usufruire dell’esenzione dal ticket sanitario per ragioni di salute, invece, bisogna inviare un apposito certificato, nel quale sono specificate le patologie possedute.

Leggi anche: “Esenzione ticket sanitario per invalidità: i vantaggi sono straordinari“.

Nel momento in cui viene accordata l’esenzione, si possono effettuare, senza pagare, tutte le prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e specialistiche ambulatoriali erogate dal Servizio Sanitario Nazionale, che risultano necessarie per preservare il proprio stato di salute.

Il medico di famiglia o il pediatra ha a disposizione l’elenco degli assistiti esenti, inviato dall’Anagrafe Tributaria tramite il Sistema Tessera Sanitaria. Al momento della prescrizione delle prestazioni, dunque, deve indicare i codici di esenzione sulla ricetta. In caso contrario, il medico barra la casella in cui è presente la lettera “N” (non esente).

Impostazioni privacy