Benzina, aumentano i prezzi ma anche le truffe 😫 a cosa fare attenzione

Alta l’attenzione su benzina e carburante con la questione aumento dei prezzi: occhio però anche al rischio truffa alla pompa

Tiene banco il tema rilevante dei prezzi e degli aumenti di benzina e carburante, ma occorre prestare attenzione anche ad altri aspetti, come il rischio truffa: ecco alcuni dettagli in merito.

benzina truffa
Canva

Si tratta di un punto che sta a cuore e al centro dei pensieri di moltissimi, quello che si lega alla questione aumenti prezzi benzina e carburante, e non manca di poter sentire anche, quando se ne discute, del rischio truffa alla pompa.

A parlarne nel relativo approfondimento è Investireoggi.it, il quale spesa che il momento storico vede aumenti e rincari che portano via i risparmi dei cittadini. Tutto ha un costo maggiorato, anche il carburante.

Da un po’ vi era stato il ritorno a prezzi accettabili, anche a seguito dello sconto inerente il taglio delle accise di trenta cent, ma di cui comunque si parla in relazione agli aumenti.

Da parte degli automobilisti vi è la speranza di poter trovare la verde, oppure il diesel ad un prezzo minore, sebbene spesso tale ricerca non porta i suoi frutti. Ecco che tale punto resta un problema rilevante, anche dal momento che a fine ottobre si arriverà alla scadenza della nuova proroga legata al taglio accise.

Ma non si tratta della sola preoccupazione per gli automobilisti, dal momento che vi è anche il rischio truffa, in ottica benzina e carburante. 

Benzina aumenti e rischio truffa: a cosa stare attenti tra pompa e carburante

Tanti gli elementi che destano attenzione quando si parla in generale di truffe e relativi rischi, si pensi ad esempio al tema pellet ed acquisto online, ecco a cosa stare attenti.

Tornando al punto in oggetto, in un momento storico in cui tanto benzina e diesel, quanto anche il metano hanno un costo alto, sono in molti a preferire il rifornimento al self service. La ragione si lega al costo, che è un po’ minore.

Come spiega Investireoggi.it, nel passato sono state mostrate da talune inchieste tv dei tentativi di truffa rispetto a talune pompe di benzina. E si legge in merito di trucchetti che sarebbero stati finalizzati a sottrarre più denaro agli automobilisti inconsapevoli.

Recentemente, si legge ancora, ha destato attenzione quanto sarebbe accaduto in quel di Modena, inerente una anomalia riguardo il display e il contatore.

In sostanza, già prima di iniziare ad erogare e segnare il dovuto da pagare, il display avrebbe segnalato un importo da pagare di 60 cent. C’è chi poi se ne è accorto e ha fatto segnalazione alla Polizia Locale.

Investireoggi.it spiega che quanto avvenuto a Modena è uno dei diversi casi a cui prestare attenzione in periodo di aumenti e possibili speculazioni. Nel momento in cui un automobilista va a fare rifornimento occorre prestare attenzione e verificare il display.

Così da potersi accertare che gli importi segnalati siano effettivamente quelli pagati.

Nel frattempo l’aumento dei prezzi porta con sé anche il crescere del timore di trovarsi davanti a dei prezzi non accessibili a novembre. Alcune rilevazioni, tra quelle maggiormente recenti, vanno ad inviare un prezzo medio nazionale di 1,708€/l al self per benzina e 1,896€/l per diesel.

Restando in generale poi in tema truffa e auto, è bene prestare attenzione anche al trucco della moneta: qui per dettagli su come funziona. 

Raccontaci una truffa subita o se si ha il dubbio di vivere una situazione di raggiro o frode. Il team si avvale di Esperti che potranno consigliare cosa fare per tutelarsi. Inviare una mail con i propri dubbi o quesiti qui: Segnalazione truffe

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news