Pensione a 62 anni, ma senza tutti quei contributi che pensi, la possibilità esiste davvero, ecco chi può sfruttarla

Per il 2024 è ancora in vigore la Quota 103, che come sappiamo permette di andare in pensione a 62 anni con 41 di contributi.

Chi desidera anticipare l’uscita dal lavoro ha dunque questa opzione, sebbene non manchi di limitazioni e restrizioni, come il non poter maturare altri redditi da lavoro, sia autonomo che dipendente.

come andare in pensione a 62 anni
Oltre alla quota 103 ci sono altri modi per andare in pensione a 62 anni – InformazioneOggi.it

Oltre alla quota 103, però, esistono altri sistemi per andare in pensione prima dei canonici 67 anni, e la bella notizia è che non servono tutti i 41 anni di contributi.

Leggi anche: Sei casalinga o casalingo? Puoi andare in pensione anche senza lavorare nemmeno un giorno, ecco come fare

Tutti i modi per anticipare l’età della pensione a 62 anni, anche senza 41 di contributi

Oltre alla quota 103 è prevista un’altra misura che permette ai lavoratori di uscire anticipatamente dal lavoro. Il soggetto deve aggiungere età e contributi e arrivare a quota 97,6.

Grazie all’articolo 1, comma 206 e seguenti, della legge di Bilancio 2017 viene riconosciuta la possibilità di andare in pensione a 62 anni (ma senza 41 di contributi) a chi ha svolto lavori usuranti, e anche a chi ha lavorato molto in turni di notte.

La possibilità è rappresentata dalla quota che va da 97,6 a 100,6: per accedere al prepensionamento, il soggetto deve sommare età e contributi e dimostrare di aver risposto ad altri requisiti. Scendendo nel dettaglio, specifichiamo quali sono questi requisiti:

  • appartenere alla categoria di lavoratori che svolgono mansioni molto usuranti;
  • lavorare in turni di notte per almeno 78 turni all’anno;
  • essere addetti alla linea catena;
  • essere conducenti di veicoli di capienza complessiva non inferiore a 9 posti, adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo.

Per lavori particolarmente usuranti si intendono diverse attività e mansioni, che è possibile scoprire sul sito INPS, ma in generale vale per tutti coloro che lavorano in cave, gallerie, miniere o dove si utilizzano altissime temperature per lavorare i materiali.

Chi risponde a questi requisiti, a 61 anni e 7 mesi, con contributi di 35 anni e 11 mesi, può fare la richiesta di pensione anticipata. Lo stesso dicasi per il lavoratore che ha maturato 35 anni di contributi, risponde ai requisiti sopra indicati e ha un’età di 62 anni e 6 mesi.

Gli indici di cui sopra valgono per i lavoratori dipendenti, ma la quota 98,6 è raggiungibile anche dagli autonomi. Più in particolare, il lavoratore autonomo può andare in pensione a 62 anni e 7 mesi con 35 anni di contributi. Sempre per i lavoratori autonomi, poi, è prevista anche la quota 99,6; possono accedervi coloro che hanno lavorato di notte tra i 72 e i 77 turni. In questo caso il lavoratore può andare in pensione a 64 anni e 6 mesi con 35 anni di contributi oppure a 63 anni e 7 mesi con 35 anni e 11 mesi di contributi.

Lascia un commento


Impostazioni privacy