Il Buono Postale ordinario scade dopo 20 o 30 anni? La risposta libera i risparmiatori da tutti i dubbi

Il Buono Ordinario è il più “vecchio” tra i buoni fruttiferi postali e segue regole e condizioni diverse. Soprattutto riguardo alla scadenza.

I buoni fruttiferi postali sono molto diffusi tra quegli italiani che si preoccupano di mettere a sicuro il proprio denaro. Tra i tanti motivi abbiamo: garanzia di rimborso, semplicità di sottoscrizione, assenza di costi di apertura e di chiusura (tranne per quanto riguarda gli oneri fiscali), esenzione dall’imposta di successione, tassazione agevolata del 12,5%.

Buono ordinario scadenza
Reale scadenza del Buono Ordinario (informazioneoggi.it)

Insomma, ci sono tanti buoni motivi per scegliere i buoni fruttiferi postali come strumento di risparmio. Tuttavia, i tassi di rendimento sono molto bassi e alla scadenza, tranne il capitale investito e gli interessi maturati, non si guadagna molto. Infatti, oltre a essere titoli di media scadenza, sono anche a basso rischio, perché non sono influenzati dalle variazioni dei mercati finanziari.

Leggi anche: “Cambiati i tassi di interesse dei Buoni fruttiferi postali: ma non è una bella notizia per i risparmiatori

Comunque, può sembrare strano ma è proprio il basso rischio che rende appetibile i buoni postali: il guadagno è sempre certo e non si rischia di perdere i soldi. Quindi, nel portafoglio degli investitori accanto ai titoli di Stato, come BOT (Buoni ordinari del Tesoro) e BTP (Buoni del Tesoro poliennali), c’è spazio anche per i buoni fruttiferi postali.

Buono ordinario: attenzione alla scadenza, si rischia di perdere tutti i soldi

Sul sito poste.it nella sezione “Risparmio e Investimenti” sono presenti 10 tipologie di buoni postali con scadenze e rendimenti diversi. Per ciascun buono postale si descrivono le caratteristiche, i tassi di rendimento, la scadenza. A proposito di scadenza, molti italiani hanno dei dubbi sul Buono ordinario e si chiedono: “Scade dopo 20 o 30 anni?”.

Ricordiamo, che un buono postale ha una scadenza predefinita che varia dalla tipologia scelta. Il giorno successivo alla scadenza il buono diventa infruttifero (cioè non maturano più gli interessi) e si può chiedere il rimborso entro 10 anni. Superati questi il titolo cade in prescrizione.

Leggi anche: Buoni fruttiferi postali che scadono nel 2024: attenzione alla data, c’è il rischio di perdere tutto

Nello specifico, i buoni ordinari hanno una doppia scadenza:

  • quelli fino al 27 dicembre 2000 (ossia, Serie Z) hanno una durata di 30 anni e maturano interessi fino al 31 dicembre dell’anno solare di scadenza;
  • quelli emessi successivamente (ossia, Serie A1) hanno una durata di 20 anni e smettono di essere fruttiferi al termine del ventesimo anno.

Inoltre, anche la capitalizzazione degli interessi (ovvero, quando anche gli interessi si trasformano in capitale) segue un calcolo diverso:

  • buoni ordinari con scadenza 30 anni: maturano interessi in regine di capitalizzazione composta (primi 20 anni) e semplice (ultimi 10 anni);
  • buoni ordinari con scadenza 20 anni: maturano solo gli interessi in regine di capitalizzazione composta.

Dal 28 dicembre 2023 il Buono Ordinario ha subito un ribasso dei tassi di interesse passando dal 3,50% al 2,75%. Qualora si volessero investire 10mila euro, il valore netto a scadenza sarebbe di 1.611,78 euro. Il simulatore di Poste Italiane però non tiene conto dell’imposta di bollo, che dovrà essere calcolata in base alla normativa vigente.

Lascia un commento


Impostazioni privacy