Cambiati i tassi di interesse dei Buoni fruttiferi postali: ma non è una bella notizia per i risparmiatori

Brutte notizie per i risparmiatori: i tassi di rendimento dei buoni fruttiferi postali sono cambiati. Ecco il motivo.

Il 2024 è iniziato da pochi giorni ma molte persone sono preoccupate per la situazione economica. Soprattutto i risparmiatori che acquistano Buoni fruttiferi postali (BFP).

Tassi dei buoni postali ribassati
Buoni postali cambiano i tassi (informazioneoggi.it)

Il motivo è semplice: Cassa deposito e prestiti (CDP) ha modificato i tassi di interesse di alcuni buoni postali. Infatti, il 28 dicembre 2023, sono diminuiti all’improvviso. Scopriamo il motivo e qual è la situazione attuale.

Buoni fruttiferi postali: ecco i nuovi tassi di interesse per il 2024

Sono in molti a conoscere i Buoni fruttiferi postali ma per capire perché sono convenienti, anche se con un tasso di interesse inferiore ai BTP (Buoni del Tesoro poliennale), potrebbe essere utile un breve riassunto.

I Buoni fruttiferi postali sono tra gli strumenti di risparmio e investimento molti diffusi tra gli italiani. Nati nel 1924 e da allora quasi 27 milioni di italiani li acquistano per ottenere rendimenti costanti e garantiti nel tempo.

I motivi di tanta diffusione sono diversi:

  • la facilità di acquisito: ricordiamo che i buoni postali sono emessi da CDP ma distribuiti da Poste Italiane tramite gli uffici postali;
  • non sono soggetti alle tasse di successione (solo alla tassazione agevolata del 12,5%) e non hanno nemmeno un costo per la sottoscrizione e il rimborso;
  • sono garantiti dallo Stato;
  • possono essere incassati in qualsiasi momento prima della scadenza ottenendo il capitale sottoscritto e gli interessi maturati;
  • non sono soggetti a “rischio di mercato” come succede con i già citati titoli di Stato BTP;
  • possono essere acquistati in forma cartacea o dematerializzata. in quest’ultimo caso non c’è il rischio che il buono vada in prescrizione;
  • infine, sono nominativi e quindi se va perso può essere chiesto il duplicato. A tal proposito ricordiamo che possono essere cointestati a un massimo di 4 persone.

Come si diceva in precedenza, Cassa depositi e prestiti ha modificato i tassi di interesse all’improvviso abbassandoli a causa della generale diminuzione dei rendimenti dei BTP. Di conseguenza, i BFP sono diventati ancora di più meno convenienti rispetto ai titoli di Stato

Ecco in sintesi i nuovi tassi di interesse 2024 si applicano ai seguenti Buoni fruttiferi postali:

  • 4 anni plus: riduzione dal 3% al 2%;
  • 3×2: riduzione dal 3% al 2,25%;
  • 3×4: riduzione dal 3,25% al 2,5%;
  • Ordinario: riduzione dal 3,5% al 2,75%;
  • Rinnova per scadenze dal 1 agosto 2023: riduzione dal 3,25% al 2,5%;
  • Risparmio Sostenibile: riduzione dal 2,5% al 2%.

Invece, restano invariati:

  • Buono dedicati ai minori, che continua a essere il più conveniente: tasso di rendimento annuo lordo fino al 6,00%;
  • Buono Soluzione Eredità: tasso di rendimento annuo lordo al 3,5%;
  • Buono 4 anni risparmiosemplice al raggiungimento minimo di 24 sottoscrizioni periodiche dal piano Risparmio Semplice: tasso di rendimento annuo lordo standard a scadenza all’1,5%.

Lascia un commento


Impostazioni privacy