Infarto fatale per Lisa Marie Presley, aveva solamente 54 anni: forse il dolore per la morte prematura del figlio

Non ce l’ha fatta Lisa Marie Presley, dopo il malore improvviso che l’ha colpita. L’eredità del cantante leggendario sta andando in frantumi.

La giovanissima Lisa Marie, madre di 4 figli, lascia un triste segno nella storia della sua famiglia.

Lisa Marie Presley
InformazioneOggi

Forse non aveva mai superato la morte del figlio Benjamin, o forse ha subito un forte stress a causa del suo fallimento economico. O forse chissà, la figlia di Elvis Presley fa parte di tutte le morti improvvise che stanno colpendo persone anche molto giovani.

Sicuramente la sua vita è stata caratterizzata da alti e bassi, e di certo anche i nipoti di Lisa Marie hanno sentito il “peso” della fama del Re del Rock. È di poco tempo fa la notizia che Lisa Marie avrebbe dilapidato l’immensa eredità lasciatale dal padre. Sembra che lo stile di vita super lussuoso abbia eroso senza scampo tutto il denaro in suo possesso.

Ricordiamo la causa intentata proprio da Lisa Marie nei confronti dell’ex manager Barry Siegel, accusandolo di non aver saputo gestire il patrimonio. Secondo la versione di Siegel, invece, i gravi ammanchi sono da imputare proprio alle spese folli della Presley. Ma cosa può aver ucciso così precocemente la bellissima figlia di Elvis? I comunicati ufficiali ci raccontano i fatti e com’è avvenuta la tragedia.

Infarto fatale per Lisa Marie Presley, aveva solamente 54 anni

Solamente pochi giorni fa, la figlia del Re del Rock aveva presenziato alla cerimonia di assegnazione dei Golden Globes: l’attore Austin Butler è stato premiato durante l’occasione per la sua interpretazione nel ruolo di Elvis, nel film omonimo.

Poi la tragedia: la donna ha un malore, un attacco di cuore. La domestica la trova “priva di sensi” sul letto, interviene l’ex marito e padre del figlio Benjamin. Il ricovero, l’intervento d’urgenza con un pacemaker, ma poi Lisa Marie non ce l’ha fatta. La notizia del decesso ha scosso profondamente il popolo americano e l’annuncio è stato dato dalla mamma Priscilla.

Forse Lisa Marie non ha mai superato la morte prematura del figlio, che appena ventisettenne si è tolto la vita in un modo orribile: sparandosi alla testa. I fatti risalgono al luglio del 2020. Dai successivi accertamenti, emerse che Benjamin era sotto l’effetto di cocaina e alcol. Il giovane non era mai riuscito a risolvere del tutto il problema di dipendenze da droghe pesanti, nonostante i percorsi nei rehab. Sembra che la forte depressione l’avesse portato al tentativo di suicidio già diverse volte.

Sicuramente un evento come questo distrugge l’animo di ogni genitore, e non potremmo stupirci se il cuore di Lisa Marie non avesse retto al dolore. Nonostante la donna avesse altri figli, che certamente le hanno regalato tutto il loro amore.

L’ennesima morte di un personaggio noto

La tragedia di Lisa Marie è solamente l’ultima in ordine cronologico tra quelle cui stiamo assistendo ultimamente. Uno dopo l’altro, attori, cantanti, modelle, ex calciatori, muoiono. Certo la vita è purtroppo così, ad un certo punto finisce, e nessuno può sapere quando. Ma di fronte ad una lista così tristemente lunga, non possiamo che porci alcune domande.

Spiccano numerose “morti improvvise” nel mondo dello spettacolo, ma ogni giorno è un’ecatombe di decessi. Leggiamo sui principali organi di informazione di persone sane, che ad un certo punto accusano un “malore improvviso”. Vengono ritrovate in casa, a letto, o muoiono camminando per strada, mentre guidano, mentre stanno lavorando in ufficio o in fabbrica. E non parliamo di persone anziane, che per quanto doloroso sia, sappiamo che ad un certo punto arrivano al loro destino. Ma di giovani, anche di 14, 15, 17 anni, e di bambini di soli 2, 3 o 5 anni.

Forse questi fatti devono cominciare a farci riflettere per davvero. Forse ci servono a capire che la vita è davvero un mistero, che niente deve essere dato per scontato e che dovremmo ringraziare ogni giorno di essere ancora qui, di poter abbracciare i nostri cari, di poter godere di ciò che ci circonda.