Andare in pensione anticipata a 40 anni raggiungendo l’autonomia e l’indipendenza finanziaria

La pensione anticipata, per alcuni lavoratori, è un sogno che non sempre si avvera anche a causa dei requisiti mancanti. Come i contributi INPS.

La possibilità di andare in pensione anticipata è una opzione che possono richiedere i lavoratori che si occupano di mansioni usuranti o gravose.

pensione
Canva

Ma i requisiti per accedere a questo prepensionamento sono molto ristretti e non accessibili a tutti. Esiste un metodo che permette di andare in pensione con molti anni di anticipo a prescindere dagli anni contributivi che si possiedono. Questo è possibile con il metodo FIRE.

Andare in pensione anticipata a 40 anni raggiungendo l’autonomia e l’indipendenza finanziaria

FIRE è l’acronimo di Financial independence, retire early. Si tratta di un metodo di investimento con l’intento di raggiungere l’indipendenza finanziaria e andare in pensione molto giovani. Si può considerare, in realtà, un vero e proprio stile di vita utilizzando un sistema che però non è per tutti. Un sistema che deve essere messo in atto durante i primi anni di lavoro seguendo una strategia fatta di pianificazione dei risparmi e riduzione delle spese.

Con questo metodo sarà possibile andare in pensione anticipata a 40 anni ma anche prima. Quindi, si avrà la possibilità di smettere di lavorare senza attendere il raggiungimento dei requisiti minimi per la pensione anticipata “classica” o di vecchiaia.

Ma anche in questo caso ci sono alcuni requisiti da rispettare. Ad esempio, è necessario avere un lavoro e, di conseguenza, un reddito mensile fisso ma anche avere un secondo lavoro o altre entrate. Inoltre, gli interessati dovranno informarsi su fondi pensione o sun altri strumenti di investimento per i priori risparmi.

Lo scopo del metodo FIRE è andare in pensione in anticipo. Quindi, non essendoci i requisiti richiesti per la pensione INPS sarà necessario affidarsi alle proprie capacità e affidarsi a un metodo ben preciso.

Come funziona?

Alla base del metodo FIRE c’è il concetto di risparmio in questo caso risparmiare sul reddito di cui si dispone cercando di mettere da parte il più possibile. Si tratta di evitare spese inutili e non di fare una vita frugale o con sacrifici. Diminuendo le spese aumento il reddito e di conseguenza la possibilità di andare in pensione in anticipo.

Vari sono i metodi che si possono seguire ma il più utilizzato è la cosiddetta regola del 4%. Già teorizzata da William Bengen, consulente finanziario, in sintesi la regola del 4% si basa sul prevedere quanto accumulare per andare in pensione in anticipo. Secondo Bengen quando i risparmi accumulati sono 25 volte superiori alla quota che si spende per mantenerci è giunto il momento di lasciare il lavoro. Quindi, la raggiunta la cifra, il 4% del fondo sarà la mostra pensione.

Per capire meglio il sito Risparmioggi spiega il metodo con un esempio pratico. Poniamo di guadagnare 2mila euro a mese; all’anno sono 24mila. Questa cifra moltiplicata per 25 volte sale a 600mila euro. Ottenuta questa cifra si potrebbe smettere di lavorare e la pensione annua anticipata sarà costituita da un prelievo annuo del 4%. Ovvero 24mila euro.

Ma è davvero possibile?

La formula dell’esempio precedente però non tiene conto delle variabili che si potrebbe presentare nel corso della vita. Come l’aumento del tasso di inflazione, la necessità di spese improvvise, problematiche che influenzano i guadagni. Per questo motivo al metodo FIRE si affiancano vari accorgimenti.

Il metodo FIRE è, come si diceva in precedenza, uno stile di vita e come tale si deve considerare come un impegno mentale perché educa al concetto di pensione. Concetto molto importante soprattutto per i giovani che la vedono come un sogno irraggiungibile. Invece con questo metodo possono mettere in atto strategie di pensionamento.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Inoltre, educa al risparmio eliminando le spese superflue e ottimizzando, invece, i guadagni. Insomma, insegna ai giovani a gestire e aumentare il proprio reddito anche tramite un secondo lavoro o forme di investimento, in modo tale da prepararsi per il futuro e non farsi trovare impreparati.