Pass disabili legge 104: se non consegnato cosa si rischia? La risposta non lascia dubbi

I beneficiari della legge 104 possono richiedere il pass disabili da applicare sull’auto e agevolare la mobilità.

Per ottenere il pass disabili il verbale legge 104 deve contenere una specifica dicitura. Consente a coloro che hanno problemi di mobilità o ai non vedenti di essere agevolati durante la circolazione e la sosta di autovetture.

pass disabili
Foto Canva

Si tratta del contrassegno auto per disabili ma non tutti sanno se è personale o collegato alla macchina. Per questa ragione un Lettore ha posto il seguente quesito: “Cortesemente in caso di morte del beneficiario del tesserino se non viene reso al comune e la figlia lo usa da anni, pur non essendoci più il beneficiario, a cosa va in contro? Grazie P.L”.

Pass disabili: se non consegnato cosa si rischia? La risposta non lascia dubbi

Per ottenere il pass disabili è necessario che il permesso sia rilasciato e, quindi, intestato alla persona con disabilità, dopo una visita medica, dal comune di residenza. La normativa che si applica è quella stabilita dall’articolo 188 del Codice della Strada e dall’articolo 381 del Regolamento di esecuzione del Codice della Strada.

Qualora l’invalidità fosse temporanea il pass disabili è rilasciato per un tempo determinato. In caso contrario, la durata è di 5 anni al termine dei quali è possibile richiedere il rinnovo. Andrà verificato nuovamente la disabilità del titolare presso una commissione medica.

Il contrassegno deve essere esposto sul parabrezza solo quando il titolare è all’interno del veicolo. Invece, quando nell’auto non è presente la persona con disabilità non dovrà essere apposto sul parabrezza. In caso contrario, si configura un uso improprio del pass disabili.

Leggi anche: “Pass auto con legge 104 non tutto si può fare, attenzione si rischiano multe salate”.

Come comportarsi se muore l’intestatario del contrassegno

In caso di decesso del titolare del pass disabili, la normativa prevede che i familiari restituiscano il contrassegno. Il temine è entro un mese dalla morte del titolare. Ma sono molti i furbetti che non lo fanno continuando a utilizzare il permesso per parcheggiare l’auto negli stalli destinati agli invalidi. Anche se il parente è morto da mesi.

Se il tagliando non è restituito in tempo scattano sanzioni economiche che vanno da un minimo di 168 euro a un massimo di 672 euro. Potrebbero anche comprendere il ritiro del veicolo e la revoca del contrassegno.

In conclusione, in risposta al Lettore, alla morte del genitore la figlia è tenuta alla restituzione del contrassegno al comune di residenza. Altrimenti potrebbe essere denunciata per l’utilizzo senza diritti di un documento personale e sanzionata economicamente.

Se hai dubbi o vuoi porre una domanda di carattere previdenziale, fiscale e legge 104, invia qui il tuo quesito.