Fotovoltaico e taglio bolletta con l’installazione di pannelli di ultima generazione per risparmiare: conviene davvero?

Il fotovoltaico come fonte di energia rinnovabile per risparmiare è un dato di fatto. Ma anche quelli di ultima generazione?

Non è semplice rispondere a questa domanda poiché scegliere quelli più adatti per garantire efficienza e risparmio dipende da molte variabili. L’utilizzo che se ne vuole fare oppure il luogo più adatto dove installare sono alcuni criteri da dovere prendere in considerazione.

fotovoltaico
Pexels

Anche il costo dei pannelli, l’installazione e la manutenzione stessa è un aspetto da tener presente quando si tratta di scegliere un impianto fotovoltaico. Se fino a qualche anno fa il costo per coprire il tetto della propria casa era elevato e l’energia prodotta non copriva le spese soprattutto di manutenzione, oggi grazie ad incentivi e bonus la situazione è cambiata.

Fotovoltaico: conviene installare pannelli di ultima generazione per risparmiare? La risposta non è così scontata

Installare pannelli fotovoltaici di ultima generazione è garanzia di risparmio a lungo termine. Infatti, realizzati con materiali innovativi e resistenti a qualsiasi condizioni atmosferiche i pannelli di nuova generazione permetteranno di beneficiarne per molti anni. Soprattutto se l’impianto viene pulito periodicamente da personale specializzato.

I motivi per installare un impianto fotovoltaico sono:

  • risparmio in bolletta, perché in poco tempo si potrà rientrare nella spesa fatta;
  • zero emissioni;
  • rivendita dell’energia non consumata, se il contatore è bidirezionale;
  • energia solare è praticamente infinita.

Inoltre, i pannelli sono silenziosi e compatibili con i sistemi tradizionali già presenti in casa.

I pannelli fotovoltaici possono essere monocristallini o policristallini entrambi con celle in silicio. Le prime messe ordinate, le seconde installate in ordine sparso. È stato scoperto un minerale, la perovskite, che se trattato può raccogliere energia solare e trasformala in energia. L’efficacia sarebbe maggiore delle celle in silicio. Inoltre, unito con ioduro di piombo e metilammonio potrebbe diventare un ottimo generatore di energia.

L’unico problema è la tenuta perché, come hanno scoperto dei ricercatori dell’Università di Santa Barbara, lo ioduro si slega e rimuove l’idrogeno interrompendo così la “trasmissione” di energia elettrica. Al momento questo materiale, quindi, non potrà essere sfruttato.

Tra gli altri tipi di pannelli ci sono quelli che si possono integrare, per esempio, direttamente nelle finestre, pensiline, insomma nel cosiddetto involucro edilizio. Comunque sia i pannelli monocristallini sono quelli che al momento hanno un maggiore rendimento sia economico sia di risparmio. Quelli più avanzati si possono prendere in considerazione magari solo per il lato estetico.

Prezzo dei pannelli di ultima generazione

Quando si parla di pannelli fotovoltaici di ultima generazione bisogna considerare i prezzi che in media si aggirano intorno ai 2mila euro al kWh. Di conseguenza, se si volesse installare un impianto fotovoltaico da 6 kWh, il prezzo sarebbe di 12mila euro. Escluso, però, i costi di installazione e di altri sistemi da integrare. Comunque sia, questa cifra è ipotetica perché i prezzi possono variare anche per le offerte dei fornitori.