Allerta listeria nel salame: controlla subito marca e lotto

Lotto di salame strolghino nel bersaglio dei controlli per la presenza del batterio della listeriosi. Ecco come identificare il prodotto.

Attenzione ai prodotti di supermercato che, con una certa frequenza, sono indicati in avvisi ad hoc e di seguito, richiamati per la presenza di possibili rischi alla salute umana. Forse non tutti sanno che, recentemente, i supermercati A&O, Il Gigante e Famila hanno evidenziato, per il tramite dei portali web rivolti specificamente agli avvisi di sicurezza e ai richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori della GDO, il ritiro di un lotto di salame strolghino commercializzato con i marchi Assaggi e Paesaggi e Storie di Gastronomia.

Salame
Salame, rischio listeria in uno specifico lotto (Informazione Oggi)

Di seguito ulteriori indicazioni per capire se tra i tuoi prodotti acquistati con la spesa, c’è pure il salame finito nel bersaglio della segnalazione.

Lotto di salame strolghino nel bersaglio dei controlli: come individuarlo con precisione?

L’avviso di richiamo del salame è molto chiaro: vi si trova specificata la presenza di Listeria monocytogenes, ovvero un batterio che può causare la malattia della listeriosi e che, nelle persone più fragili dal punto di vista sanitario, può portare a gravi conseguenze come infezioni al sistema nervoso centrale (ad es. encefalite) o sepsi. Ecco perché il prodotto citato è particolarmente sconsigliato a donne incinte, anziani, neonati e persone con scarse difese immunitarie.

Ma qual è il prodotto nel mirino? Come non sbagliarsi? Ebbene, sono interessate dal summenzionato avviso le vaschette da 80 grammi di salame affettato, che in etichetta recano:

  • il numero di lotto L348
  • il termine minimo di conservazione (TMC) fissato al 18/01/2024

Il salame è prodotto da All Food Srl con sede dello stabilimento via Partigiani d’Italia 5, località Traversetolo in provincia di Parma (marchio di identificazione IT Z8P23 CE).

Ulteriori indicazioni per evitare rischi alla propria salute

Quelli sopra sono i dettagli chiave per capire se tra gli acquisti fatti vi è anche il salame strolghino con tracce del batterio della listeriosi. Che fare se è stato comprato? Ebbene, la risposta è molto semplice:

  • non bisognerà consumare il prodotto che reca il numero di lotto citato
  • ed anzi andrà riconsegnato quanto prima al supermercato in cui è stato acquistato, oppure al servizio igiene degli alimenti e nutrizione della ASL locale

Il cliente potrà contare sul rimborso del prezzo d’acquisto. Concludendo, chi sospettasse di aver ingerito proprio il lotto di salame strolghino ‘incriminato’, rischiando dunque le gravi conseguenze della listeriosi, dovrà subito contattare un medico, in modo da farsi consigliare il miglior trattamento per la sua situazione.

Lascia un commento


Impostazioni privacy