Pagamenti con bancomat, gli esercenti potrebbero farvi una proposta: rifiutatela

Se decidete di effettuare dei pagamenti con il bancomat state attenti a questo possibile comportamento degli esercenti. In tal caso bisogna rifiutare.

Sempre più esercenti starebbero mettendo in pratica un comportamento scorretto per quanto concerne i pagamenti effettuati con il bancomat. Ecco cosa sta succedendo e per quale motivo bisogna rifiutare.

Pagamenti con bancomat, attenti a questa proposta degli esercenti: rifiutate
pagamenti con bancomat (informazioneoggi.it)

Il denaro non garantisce la felicità ma sicuramente contribuisce a migliorare le proprie giornate. Grazie ad esso, d’altronde, abbiamo la possibilità di pagare i beni e servizi di nostro interesse, soddisfacendo le diverse necessità personali. Tanti gli strumenti a nostra disposizione per pagare, come contante oppure carte di credito o bancomat.

Soffermandosi su quest’ultimo mezzo di pagamento si invita a prestare molta attenzione. Questo per via del comportamento scorretto di diversi esercenti che rischia di pesare sulle tasche dei clienti. Ecco cosa sta succedendo e per quale motivo bisogna rifiutare.

Pagamenti con bancomat, attenti a questa proposta degli esercenti, rifiutate: ecco il motivo

Complice una maggior conoscenza del mezzo, sempre più persone utilizzano bancomat e carte di credito per effettuare i pagamenti di vari beni e servizi di proprio gradimento presso i vari esercenti.

Pagamenti con bancomat, attenti a questa proposta degli esercenti: rifiutate
pagamenti con bancomat (informazioneoggi.it)

Si tratta, d’altronde, di uno strumento estremamente facile e veloce da utilizzare, che i vari esercenti sono costretti ad accettare. Questo almeno in teoria. Si ricorda, infatti, che stando alla normativa vigente gli esercenti italiani hanno l’obbligo di accettare la richiesta dei clienti che desiderano pagare tramite strumenti elettronici.

A tal fine, pertanto, devono avere presso il proprio esercizio un terminale, meglio conosciuto come “POS“. Nel caso in cui i commercianti non dovessero adempiere a tale obbligo rischiano di dover pagare pesanti sanzioni. Sempre in tale ambito si suggerisce, inoltre, di non abbassare la guardia rispetto ad un possibile comportamento, alquanto scorretto, messo in campo da alcuni esercenti.

In pratica quest’ultimi, con l’intento di contrastare le commissioni per i pagamenti tramite carta, decidono spesso di applicare una commissione ai propri clienti che vogliono pagare con mezzi tracciabili. Tali commissioni, interesserà sapere, hanno generalmente un costo che può oscillare da 50 centesimi fino ad arrivare ad un euro per transazione.

Proprio l’applicazione di una commissione, però, non è consentito. Si tratta, infatti, di un comportamento vietato dal Codice del Consumo. L’invito degli esperti di settore, pertanto, è quello di rifiutare di pagare le commissioni.

Impostazioni privacy