Buoni Postali: con un investimento di 2500 euro, il guadagno è sorprendente

Cosa significa investire 2.500 euro in Buoni Fruttiferi Postali? Poter ottenere un rendimento alla scadenza e scartare, così, un bel regalo. 

I piccoli risparmiatori possono far crescere i propri soldi acquistando un Buono Fruttifero di Poste Italiane. Simuliamo il rendimento.

Buoni Fruttiferi Postali 2.500 euro
InformazioneOggi.it

Lasciare i risparmi sul conto corrente senza utilizzarli è una pessima idea con l’inflazione così alta. Il potere d’acquisto del denaro diminuirà sempre più e i propri soldi varranno sempre meno. Fortunatamente possiamo ribaltare la situazione a nostro vantaggio riuscendo ad ottenere dei guadagni anche interessanti senza rischiare il capitale. Viene in nostro aiuto Poste Italiane offrendo la possibilità di investire in sicurezza i risparmi acquistando un Buono Fruttifero. Parliamo di prodotti garantiti dallo Stato Italiano, che non prevedono costi di apertura e su cui si applica una tassazione agevolata sugli interessi del 12,50%. Cosa significa, dunque, investire nei Buoni? Depositare una somma e vederla crescere nel tempo potendo sapere fin da subito quanto si andrà a guadagnare alla scadenza. Non solo, il denaro potrà essere recuperato in qualsiasi momento, con o senza interessi a seconda degli anni trascorsi dalla sottoscrizione. Insomma, sarà come avere i risparmi sul conto corrente ma senza lasciarli facili preda dell’inflazione.

Investire 2.500 euro in Buoni Fruttiferi

Poste Italiane propone diversi Buoni che frutteranno in maniera differente. I rendimenti promessi alla scadenza e durante il piano di sottoscrizione si diversificano da Buono a Buono così come la durata. Le caratteristiche generali già citate sono comuni, invece, a tutti i prodotti. Variano i destinatari in alcuni casi dato che specifici Buoni Fruttiferi si rivolgono a particolari categorie di clienti.

Prendiamo ad esempio il Buono Rinnova. Possono acquistarlo i cittadini che rimborsano uno o più Buoni scaduti a condizione che vengano rimborsati dal 20 settembre 2022. O il Buono Soluzione Eredità. Questo è richiedibile da tutti coloro che hanno un procedimento successorio concluso in Poste Italiane. E ancora, il Buono dedicato ai minori. Intestatari sono i bambini/ragazzi da zero a diciotto anni. Il rendimento crescerà con il figlio o il nipote e al compimento della maggiore età il regalo da scartare sarà veramente sorprendente.

Tutti gli altri Buoni sono sottoscrivibili da chiunque, indipendentemente dalla titolarità di un conto BancoPosta, di un Libretto Postale o di carta prepagata di Poste Italiane. Il quadro generale è stato descritto, ora entriamo nel vivo dei guadagni e andiamo a scoprire quale sarà il valore del prodotto alla scadenza investendo 2.500 euro.

Via alla simulazione nel breve-medio termine

Poste Italiane consente di simulare il rendimento tramite un pratico tool presente sul portale dell’azienda. Basterà inserire l’importo da sottoscrivere e la durata (breve-medio termine oppure medio-lungo termine) per conoscere le varie possibilità di investimento avendo chiaro il valore e i guadagni alla scadenza.

In precedenza abbiamo simulato i rendimenti con 5.500 euro, 6.500 euro e 15 mila euro. Oggi ci manteniamo su cifre più basse, 2.500 euro. Iniziamo conoscendo i risultati suggeriti dal sistema volendo investire nel breve-medio termine. Le opzioni a disposizione sono cinque.

La prima è il Buono 3×2 della durata di 6 anni con rendimento del 2%. I 2.500 euro alla scadenza saranno diventati 2.775,98 euro. Gli interessi sono riconosciuti a partire dai tre anni. La seconda soluzione è il BFP 4 Anni Risparmio Semplice. Il rendimento fisso con tasso effettivo lordo è dell’1,50%. Passati i quattro anni, dunque, si otterranno 2.727,09 euro. 

Continuiamo con la simulazione

Restando nell’investimento a breve-medio termine continuiamo con una terza alternativa, il Buono Rinnova. Limitato ad alcuni clienti – come già detto – il rendimento è del 3,25% e la durata di sei anni. Alla scadenza il valore sarà di 2.962,86 euro. Optando per il Buono Soluzione Eredità, invece, il rendimento riconosciuto sarà del 3%, la durata dell’investimento di quattro anni e il capitale di 2.500 euro sarà arrivato a 2.774,55 euro. Infine, l’ultima proposta di Poste Italiane è il Buono 3 Anni PLUS. In tre anni la somma sottoscritta diventerà di 2.599,93 euro.

Investimento nel medio-lungo termine, che cifre!

Passiamo a valutare i guadagni nel medio-lungo termine. Il simulatore riporta tra i risultati il Buono 3×4 della durata di dodici anni con rendimento del 2,50%. Il valore alla scadenza sarà di 3.254,44 euro. Cifre ancora più elevate con il Buono 4×4 della durata di sedici anni e rendimento del 3,00%. Parliamo di 3.822,80 euro da recuperare alla scadenza.

Infine arriviamo alla soluzione migliore, il Buono Ordinario della durata di venti anni e rendimento del 2,50%. I 2.500 euro saranno diventati dopo due decenni 3.896,25 euro. Ma non è ancora arrivato il momento di decidere l’opzione migliore in base alle proprie esigenze. Abbiamo lasciato per ultima l’opzione dal rendimento più elevato, il Buono per i minori.

Buono Fruttifero dedicato ai minori, il massimo rendimento

Il rendimento annuo lordo al compimento dei 16 anni sarà del 4,50% fino al compimento dei diciotto anni. Ciò significa poter ottenere un guadagno molto interessante soprattutto se l’intestatario è, oggi, un bambino di pochi anni. In questo caso nel simulatore apposito occorrerà indicare l’importo e la data di nascita del figlio o nipote. Poniamo il caso sia nato il 13 dicembre 2022. A diciotto anni potrà recuperare 5.108,23 euro. Un ragazzino più grandicello, per esempio nato il 18 luglio 2009, otterrà al compimento dei 18 anni 2.795,23 euro.

Impostazioni privacy