Whatsapp, arriva una importante novità da mettere subito in pratica

WhatsApp al centro di una novità importante dall’incredibile utilità: c’entrano i proxy, a seguire tutti i dettagli da sapere

Quando si parla di WhatsApp si presta sempre grande attenzione alle novità utili ed importanti, proprio come in questo caso in cui c’entrano i proxy: tutti gli aspetti da conoscere a seguire.

WhatsApp novità
Informazione Oggi

L’utilizzo della nota ed amata app di messaggistica istantanea è ormai quotidiano e comune ad un numero incredibile di utenti. Che si tratta infatti di questioni lavorative, oppure del proprio privato, ogni giorno sono in moltissimi a scambiare messaggi, audio e di testo. E ancora, contenuti multimediali, allegati e quant’altro.

Diventata sempre più centrale nella vita di tutti, talvolta può capitare di non poterla impiegare per una manciata di minuti, ma anche, in alcuni casi, per delle ore. Si pensi ad esempio a quando, sebbene non succeda di frequente, l’app va in down.

Tuttavia, un aggiornamento che desta particolare attenzione potrebbe evitarne che ciò accada ed evitare questo problema.

Nel dettaglio, come si può leggere su WaBetaInfo, pare infatti che vi sarà modo di continuare ad inviare messaggi pure nel momento in cui vi fossero interruzioni internet. E ciò proprio in virtù dei server proxy.

WhatsApp novità importante: cosa sono e a cosa servono i proxy

Il tema Whatsapp si associa sempre alle varie e preziose novità che arrivano per rendere migliore l’esperienza utente, arricchire l’app di funzioni e funzionalità e continuare a conquistare il favore dei fan.

L’attenzione come detto non manca, proprio perché l’applicazione ‘verde’ conta un numero incredibile di utente. Ecco che può interessare approfondire le più recenti novità, davvero tante e che riguardano diversi ambiti d’uso.

Tornando però al punto in oggetto, tale novità si lega al fatto che in talune zone del mondo, come ad esempio l’Iran, vi possono essere governi che agiscono in modo da non rendere possibile ai cittadini di poter fare uso dell’app tanto popolare al mondo.

Un ostacolo che può essere affrontato mediante tale novità. Come viene indicato tra le FAQ dell’app verde, si approfondisce il modo mediante cui si va ad impostare la funzionalità che permette di ristabilire la connessione con l’app.

In poche parole, per far sì che le persone possano “comunicare liberamente ed in modo sicuro“. Gli sviluppatori hanno informato in merito al fatto che vi è modo di poter impegnare un proxy, utilizzando un serve con “porte 80, 443, o 522″, cui vi è disponibilità. E ancora, un dominio, oppure un sottodominio il quale sia “rivolto all’indirizzo IP del server”.

A rendere disponibili documentazione nello specifico ed il codice sorgente dell’app è stata Github.com.

Come riporta IlGiornale.it, si legge della possibilità di prendere in considerazione l’idea della condivisione di tali “indirizzi privatamente con gli utenti“, i quali non siano in grado di poter “collegarsi direttamente a Whastapp.”

Alcuni dettagli su Proxy e privacy

Sostanzialmente tale server funziona quale intermediario, per così dire, fra un dispositivo il quale si trova fra un utente che naviga ed il portale o pagina a cui si vuol avere accesso, agendo da tramite.

Il medesimo principio verrà impiegato da WhatsApp in relazione ad ogni problema qualora vi fossero malfunzionamenti.

Si legge che tale meccanismo ha visto la relativa creazione tanto nel momento in cui internet dovesse bloccarsi per diverse cause. Si pensi all’azione degli hacker, a problemi di natura tecnica e così via. La sua creazione però si lega anche per far fronte alle difficoltà poste da alcuni governo, in taluni Paesi. In tal modo si permette alle persone di poter accedere all’app e scambiare messaggi.

Tanto per Android quanto per iOS, questa funzione dovrebbe esser visibile mediante l’ultimo aggiornamento della stessa. All’interno del menù delle impostazioni tazioni.

Gli sviluppatori in merito hanno rimarcato che la connessione mediante proxy tiene “lo stesso elevato livello di privacy e sicurezza” che l’app fornisce.

Vi sarà la medesima protezione della crittografia end-to-end, hanno specificato, per quanto concerne i messaggi personali. Inoltre hanno sottolineato della garanzia che i messaggi resteranno tra il mittente ed il destinatario, non risultando visibilità ad altri nel mezzo. E non lo saranno per l’app, per i server proxy e per Meta.

Come si legge su Libero Tecnlogia, viene specificato però da parte di WhatsApp che la gestione dei proxy avviene mediante terzi e non da Meta. Di riflesso viene ricordato che chi si occupa della gestione può leggere l’indirizzo IP di chi lo sta impiegando. Non cosa vi sia all’interno delle conversazioni.

Sostanzialmente chi gestisce i proxy sa che si sta impiegando l’app di messagistica, ma non i contenuti. Si tratta di un elemento rilevante dal momento che, in taluni luoghi in cui l’app è stata messa al bando dal regime, può essere fonte di pericolo anche il semplice impiego di. in questo