Feci che galleggiano, col muco o troppo scure: tutti i campanelli d’allarme da non sottovalutare

Potremmo osservare, andando in bagno, le nostre feci che galleggiano o altri fenomeni “strani”. Meglio non sottovalutarli. 

Sebbene potremmo provare un po’ di disgusto a guardare gli scarti del nostro corpo, in realtà controllarle regolarmente può salvarci la vita.

Feci che galleggiano
InformazioneOggi

Il nostro corpo ci manda sempre dei segnali quando c’è qualcosa che non va, però spesso è difficile riconoscerli e ancora peggio a volte non indaghiamo affatto. Viviamo una quotidianità frenetica ed è normale, quando rientriamo dal lavoro, desiderare solo di rilassarci. Ma dovremmo dedicare più attenzione alla nostra salute, anche facendo qualcosa di sgradevole, come l’osservare le nostre feci.

Addirittura al di sopra dei 50 anni dovremmo eseguire un’analisi proprio delle feci, per scongiurare il sangue occulto. La presenza di sangue, che può non essere visibile ad occhio nudo, potrebbe essere il sintomo di un tumore al colon-retto. Ecco perché le analisi specifiche si rivelano un importante screening preventivo. Oltre a questo, però, ci sono altri segnali che è meglio non sottovalutare dopo essere stati in bagno.

Feci che galleggiano, col muco o troppo scure, ecco tutti i campanelli d’allarme da non sottovalutare

Può capitare che notiamo le nostre feci che galleggiano nell’acqua del water, e non sempre si comportano così, anzi. Secondo gli esperti, questo fenomeno non è necessariamente la spia di un problema di salute, ma potremmo indagare più a fondo.

Infatti uno studio recente ha scoperto che il galleggiamento delle feci può dipendere dai gas prodotti da specifici batteri presenti nell’Intestino. Sappiamo che il microbiota è un “mondo” che pullula di batteri utili alla salute di tutto l’organismo. E che le variazioni del suo equilibrio possono far nascere le malattie.

Se poi guardiamo le feci e notiamo la presenza di muco è meglio comunicarlo al medico di famiglia. Il muco non è infrequente negli scarti del nostro organismo, ma quando aumenta di quantità e soprattutto se ha colorazioni giallognole o scure è la spia di qualche problema. Tra questi potrebbe esserci un’infezione nel tratto intestinale, la sindrome del colon irritabile, ma anche ragadi anali o un’allergia a qualche alimento.

Quando notiamo, poi, delle feci molto scure o quasi nere potremmo essere di fronte a diverse situazioni. Il consumo di alcol o di determinati alimenti (mirtilli, liquirizia, barbabietole o integratori di Ferro) fanno scurire molto le feci. Ma anche il sangue occulto attua il medesimo effetto, e dunque è meglio indagare.

Il fenomeno delle feci nere viene chiamato anche “melena”, quando si tratta di presenza di sangue digerito. Le cause possono essere svariate, oltre al sanguinamento di un tratto alto dell’apparato digerente. Per esempio potremmo essere di fronte a ulcere, gastriti o diverticoli. Ricordiamo che anche l’assunzione eccessiva di farmaci o di FANS provoca questo fenomeno.

Dunque sempre meglio concedersi un minuto e controllare la salute delle nostre feci, perché così facendo controlliamo anche quella di tutto il corpo. E al minimo dubbio non dobbiamo esitare a chiedere un consiglio al nostro medico di fiducia.

(le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici o pubblicazioni su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi)

Impostazioni privacy