Bonus figli disabili: finalmente è ufficiale la nuova data per il pagamento

A novembre ci sarà un’ulteriore data per il versamento del Bonus figli disabili. Ecco cosa ha stabilito l’INPS.

Nelle scorse settimane, l’Istituto di previdenza aveva pubblicato due date per il pagamento del Bonus figli disabili, cioè il 3 e l’8 novembre 2022.

bonus figli disabili
Foto Canva

Di recente, invece, ha comunicato una nuova data, l’11 novembre. Dopo la sospensione, nel mese di ottobre, a causa dell’esaurimento delle risorse finanziarie a disposizione, nei prossimi giorni, dunque, riprenderà la corresponsione del Bonus figli disabili. Le date per il versamento, tuttavia, variano da soggetto a soggetto e, dunque, bisogna controllarle sul fascicolo previdenziale INPS.

I versamenti, però, non interessano tutti i destinatari, ma solo alcuni di essi. Per quale motivo? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Leggi anche: “Bonus figli disabili, i pagamenti di agosto riservano un’amara sorpresa“.

Bonus figli disabili: chi ne ha diritto?

L’ultimo pagamento del cd. Bonus figli disabili risale a settembre 2022. Nonostante la comunicazione delle ultime date, l’Ente di previdenza ha sottolineato che l’accoglimento delle nuove domande sarà “con riserva”, anche nell’ipotesi di rifinanziamento; i fondi, quindi, potrebbero non esserci per tutti i richiedenti.

Questo significa che i nuovi beneficiari potrebbero non ricevere i pagamenti. Ma perché l’INPS fa riferimento ai “nuovi beneficiari”? Perché è ancora consentito inoltrare la domanda per il Bonus figli disabili.

In cosa consiste, esattamente, tale misura, prevista dal Decreto n. 285/2021? Si tratta di un sussidio riconosciuto ai genitori disoccupati o monoreddito, che fanno parte di un nucleo familiare monoparentale, che hanno uno o più figli con un’invalidità non minore del 60%.

L’indennità (che è stata confermata anche per il 2023), inoltre, spetta anche a coloro che hanno tali caratteristiche:

  • sono genitori (padre o madre) disoccupati;
  • possiedono un reddito da lavoro dipendente non superiore a 8.145 euro all’anno o a 4.800 euro, se da lavoratore autonomo;
  • sono genitori monoreddito, il cui reddito deriva totalmente dall’attività lavorativa, anche se a favore di più datori di lavoro;
  • sono pensionati;
  • fanno parte di un nucleo familiare monoparentale, cioè formato da un solo genitore, con uno o più figli disabili a carico;
  • sono residenti in Italia;
  • possiedono un ISEE non superiore a 3 mila euro;
  • hanno uno o più figli a carico, affetti da invalidità riconosciuta non inferiore al 60%.

Come funziona l’indennità e quando si perde?

Il Bonus figli disabili è versato per 12 mensilità ed il suo ammontare cambia in base al numero dei figli con disabilità a carico. Nello specifico, le cifre per ogni figlio beneficiario sono le seguenti:

  • 150 euro nel caso di un solo figlio disabile;
  • 300 euro in presenza di 2 figli disabili;
  • 500 euro nell’ipotesi di 3 o più figli disabili.

L’indennità è pienamente compatibile con diverse altre misure, come, ad esempio, il Reddito di Cittadinanza, l’Assegno Unico e gli ammortizzatori sociali come Naspi, Dis-Coll e disoccupazione agricola. Non concorre, inoltre, al calcolo del reddito.

La normativa, tuttavia, prevede anche delle ipotesi nelle quali il sussidio può decadere. In particolare, ciò si verifica per:

  • decesso del figlio o della figlia disabile;
  • morte del soggetto richiedente;
  • perdita della potestà genitoriale;
  • affidamento a terzi del figlio o della figlia disabile.

Il pagamento del Bonus figli disabili, poi, viene sospeso nel caso di ricovero del figlio disabile presso una struttura ospedaliera o residenziale a carico dello Stato; in seguito a dimissioni, tuttavia, la misura può riprendere.

Una peculiarità di tale Bonus è la retroattività. Cosa significa? Che in ogni momento lo si richieda, si ha diritto agli arretrati, anche se, fino a tale momento, l’INPS non li aveva mai corrisposti. Per questa ragione, è ancora possibile presentare domanda per l’agevolazione ai “nuovi beneficiari”. Tuttavia, come abbiamo specificato in apertura, da quanto emerge dalla comunicazione dell’Ente previdenziale, l’erogazione per tali richiedenti non è assicurata, a causa della carenza di fondi.

Potrebbe interessarti anche il seguente articolo: “Assegno unico disabili: perché non sono ancora arrivati gli aumenti dall’INPS?

Come si inoltra la domanda per il Bonus figli disabili

Per tutto il prossimo anno, dunque, sarà possibile inviare la richiesta per ottenere l’indennità. La domanda si può presentare direttamente in via telematica, tramite il sito istituzionale dell’INPS, accedendo con le proprie credenziali SPID, CIE o CNS.

Dopo aver effettuato l’accesso, basterà seguire tali semplici passaggi:

  • andare sul menu “Prestazioni e Servizi”;
  • cliccare su “Servizi”;
  • selezionare “Contributo genitori con figli con disabilità”.

È bene sottolineare, inoltre, che, per la compilazione della richiesta, sono necessari sia il codice fiscale del figlio o della figlia disabile per cui si chiede il sussidio sia il codice IBAN associato alla carta sulla quale si vuole ricevere l’accredito. Il titolare della carta, però, deve essere lo stesso che procede con la domanda. Infine, bisogna allegare anche la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica).

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Se non si possiedono le credenziali per accedere al portale INPS o si necessità di assistenza per la stesura della domanda, ci si può rivolgere ad un Caf o ad un Patronato.