Mutuo fino a 30 anni: la proposta di BancoPosta Acquisto in alternativa alla banca

L’azienda Poste Italiane rappresenta oggi una realtà attiva in una pluralità di settori, ed anche nel campo dei mutuo. Qual è il prodotto su cui questa società punta per fare concorrenza agli istituti di credito?

L’acquisto della prima casa è un obiettivo che non di rado mette alla prova le proprie finanze. E ciò specialmente se non si hanno a disposizione tutte le risorse necessarie per comprare senza dover stipulare un mutuo.

mutuo
pixabay

Oggi l’inflazione rappresenta un aumento generalizzato dei prezzi che tutti avrebbero voluto evitare: lo ritroviamo al momento del pagamento delle bollette ma anche al supermercato, mentre acquistiamo i prodotti alimentari. Gli aumenti però si fanno sentire anche quando chiediamo soldi in prestito – ed infatti gli interessi gravano di più sulle finanze anche rispetto al recente passato. Questo vale anche e soprattutto per quanto riguarda i mutui.

Il futuro scenario inoltre non appare dei migliori perché quando la BCE aumenterà il costo del denaro, nella riunione prevista a fine ottobre, le rate dei mutui diventeranno più pesanti – a causa di un preventivato un rialzo dei tassi pari a 0,75% entro questo mese.

Forse però non tutti sanno che Poste Italiane prevede una proposta di mutuo alternativa alla banca, per chi deve comprare l’abitazione principale. Pur in tempi complicati come quelli odierni è opportuno parlarne. Vediamone allora le caratteristiche essenziali e cerchiamo di capire quali sono i reali vantaggi.

Mutuo Poste Italiane per acquisto prima casa: 4 caratteristiche chiave della proposta BancoPosta Acquisto

Poste Italiane rappresenta la più grande rete di distribuzione di servizi nel nostro paese ed ha allargato enormemente il ventaglio delle sue attività rispetto al passato, essendo infatti operativa nei settori della logistica, nella consegna di corrispondenza e pacchi, ma anche nella telefonia, in quello dei servizi finanziari e assicurativi e nei sistemi di pagamento.

Nell’immaginario collettivo il mutuo è un contratto che l’interessato stipula presso una banca: ci si reca presso l’istituto di credito e si domanda un finanziamento ad hoc per comprare casa. Bisogna però ricordare che oggi anche le Poste offrono un’alternativa degna di nota.

Ci riferiamo alla proposta di finanziamento denominata Mutuo BancoPosta Acquisto. In sintesi queste sono le sue caratteristiche principali:

  • si può richiedere fino all’80% del valore dell’abitazione (come già per il mutuo bancario);
  • l’iscrizione dell’ipoteca è compiuta per un valore del 150% dell’ammontare del mutuo;
  • il mutuo ha una durata compresa tra i 10 a 30 anni.

Per chi sceglie Mutuo BancoPosta Acquisto non vi sono commissioni per l’estinzione o la riduzione anticipata del finanziamento in oggetto. Secondo quanto dettagliato da Poste Italiane anche sul proprio sito web, le condizioni per poter stipulare il mutuo sono tutto sommato simili a quelle previste solitamente dalle banche, sia sul piano della durata sia per quanto attiene all’entità del finanziamento. Ciò vale anche per il tasso di interesse, come ora vedremo.

Tasso di interesse Mutuo BancoPosta Acquisto

Lo abbiamo appena accennato: sebbene voglia rappresentare un’alternativa rispetto al tipico mutuo bancario, anche sul piano dei tassi di interesse differenze così marcate non ve ne sono. Riportiamo comunque di seguito le principali informazioni sulle tipologie di mutuo suddivise per tasso:

  • fisso: il tasso è appunto fissato alla sottoscrizione del finanziamento e rimane lo stesso per tutta la durata del piano di ammortamento;
  • variabile: il tasso è dato dalla somma di un parametro, a libera scelta del cliente tra Euribor 1 mese e MRO della BCE e una maggiorazione ‘spread’, determinata nel contratto al momento della sottoscrizione;
  • a tasso misto: il primo periodo può cominciare a tasso fisso oppure a tasso variabile, a libera scelta di chi opta per il mutuo, e ogni 3 o 5 anni è possibile variare il tipo di tasso o lasciarlo invariato. In ipotesi di opzione per il tasso variabile il parametro di riferimento è l’Euribor a un mese, rilevato il secondo giorno lavorativo bancario antecedente alla data di decorrenza della rata del mutuo.

Ulteriori informazioni su questa proposta di mutui sono comunque contenute nella relativa pagina web di Poste Italiane.

Proprio come le banche, sulla scorta delle indicazioni di legge, anche Poste Italiane prevede un finanziamento rivolto chi deve acquistare la prima casa e non ha ancora compiuto i 36 anni. Ci riferiamo al prodotto Mutuo BancoPosta Giovani. Tra le sue caratteristiche la durata che oscilla tra i 10 e i 40 anni, anche se l’ammortamento è concesso fino a 40 anni soltanto per chi chiede il mutuo a tasso fisso. I tassi variabile, fisso e misto non presentano sostanziali differenze di funzionamento rispetto ai mutui BancoPosta Acquisto. Maggiori informazioni su questa proposta nella pagina web del prodotto di Poste Italiane.

Alcune considerazioni finali sui tassi di interesse nei mutui

In questo articolo abbiamo visto in sintesi che anche Poste Italiane prevede delle proposte di mutuo ma, in linea generale, per tutti coloro che intendono sottoscrivere un contratto di questo tipo è opportuno tener presente che, oggigiorno, molti operatori del mondo della finanza consigliano che è preferibile scegliere un tasso fisso.

Quest’ultimo infatti non muta nel tempo, e ciò è positivo in considerazione dell’imprevedibilità e della turbolenza della situazione economica attuale e del possibile andamento dell’inflazione nei prossimi anni. I mutui a tasso fisso infatti conservano sempre gli stessi tassi di interesse nel corso del tempo, con la conseguenza che non cambia il versamento della rata mensile alla banca o alle Poste.

Invece i tassi variabili del mutuo sono direttamente influenzati dalle dinamiche di mercato e dall’economia, e il rischio di ulteriori ripetuti aumenti è concreto. Concludendo, se è vero che tuttora a livello di costi ad oggi conviene ancora la scelta per il tasso variabile, il tasso fisso è in grado di assicurare più sicurezza per gli anni a venire.

Impostazioni privacy