Mangiare sano previene l’insorgere di malattie e tumori, ecco le 9 linee guida da seguire

Qualcuno sostiene da sempre che mangiare sano previene l’insorgere di tante malattie gravi. Ecco la conferma.

Nel mondo, la Medicina sta cercando una cura efficace contro il Cancro, se non addirittura dei vaccini. Ma non è l’unico modo per rimanere in buona salute.

Mangiare sano previene
Adobe Stock

Molti esperti lo affermano da anni, che la relazione tra alimentazione e malattie è molto stretta. Certo è difficile districarsi tra fake-news, legende metropolitane, consigli della nonna e studi scientifici comprovati. Ma alla fine sembra proprio che la semplicità di alcune indicazioni sia la via migliore per mantenersi in salute.

Mentre la scienza sta cercando di trovare farmaci adeguati per curare i tumori, vi sono ad esempio alcune realtà che stilano linee guida per prevenire questo tipo di malattie gravi.

Lo stile di vita influisce moltissimo sulla salute generale delle persone. Ne abbiamo ricevuto conferma da vari studi, che hanno analizzato molteplici conseguenze di alcune abitudini, alimentari e non.

Con un lavoro immane, va ammesso, una società no profit che da anni si impegna a divulgare linee guida per la prevenzione, ha stilato un rapporto. E una serie di indicazioni utili a mantenersi in salute. Infine, allega alle raccomandazioni anche le prove di ciò che sostiene, e di ciò che è emerso dagli studi degli ultimi 10 anni.

Mangiare sano previene l’insorgere di malattie e tumori, gli studi degli ultimi 10 anni

La World Cancer Research Fund è un’associazione che lavora dagli anni ’80 alla divulgazione di raccomandazione per la conduzione di una vita sana. Più in particolare, per la prevenzione dei tumori. Che, lo ricordiamo, sono tra le principali cause di morte in tutto il mondo.

Nel 2020 i decessi per tumore registrati in 185 Paesi hanno raggiunto la cifra di oltre 10 milioni.

Le raccomandazioni pubblicate sul sito dell’associazione derivano dal contributo di esperti indipendenti, ma sono consultate da scienziati e medici di tutti il mondo. Negli ultimi 10 anni sono state raccolte tantissime informazioni, che hanno portato l’associazione a stilare un “vademecum”. Ecco le indicazioni, in sintesi, su come possiamo agire concretamente per abbattere il rischio tumore e altre malattie gravi.

Ecco le 9 linee guida divulgate dalla World Cancer Research Fund

  1. Mantenere un peso corporeo nella norma. Secondo la World Cancer Research Fund, moltissime prove raccolte negli anni indicano che il sovrappeso e l’obesità portano all’insorgenza di diversi tumori. “adenocarcinoma, tumore del pancreas, del fegato, del colon-retto, della mammella (in postmenopausa) e dei reni. Probabilmente anche causa di tumori della bocca, della faringe e della laringe. Dello stomaco (cardiaco), della cistifellea, dell’ovaio e della prostata (avanzato). L’aumento di peso nella vita adulta è una causa convincente del cancro al seno in postmenopausa.
  2. Fare dell’attività fisica. Come si evince da tantissimi studi, l’attività fisica è fondamentale per mantenersi in salute. Non si parla esclusivamente di andare in palestra, anzi. Molti esperti consigliano di fare semplicemente del movimento, e che anche una passeggiata al giorno apporta numerosi benefici.
  3. Seguire una dieta più sana, come quella Mediterranea. Mangiare bene aiuta a mantenersi in salute. Tutti gli esperti al mondo concordano che dobbiamo integrare più frutta e verdura fresca nella nostra alimentazione. Più nel dettaglio, cibi come cereali integrali, legumi e in generale quelli che contengono molte fibre.
  4.  Limitare i cibi industriali. Nel contempo, è preferibile limitare il più possibile alimenti lavorati, ricchi di grassi, amidi e zuccheri.
  5. Idem per quanto riguarda le bibite gasate/zuccherate. “Vi sono prove evidenti che una maggiore ingrassamento corporeo sia una causa di molti tumori. Bocca, faringe e laringe, esofago (adenocarcinoma). Stomaco (cardias), pancreas, cistifellea,  fegato, colon-retto, seno (in postmenopausa), ovaio, endometrio, prostata ( avanzato) e rene.”
  6. Limitare il consumo di carni e carni lavorate (i salumi). Gli esperti lo affermano da tempo: mangiare carne non fa male, ma solo se in ridotte quantità. Meglio mangiare poca carne rossa come manzo, maiale e agnello, e possibilmente eliminare quasi del tutti la carne lavorata. Ci sono prove evidenti che il consumo di carne rossa o lavorata  sono entrambe cause di cancro del colon-retto, uno dei tumori più diffusi.
  7. Il consumo di alcolici o superalcolici è sempre sconsigliato. Naturalmente, il rischio cancro deriva da un eccessivo consumo. I tumori maggiormente associati al consumo di alcolici sono i medesimi di quelli elencati per il consumo di bevande zuccherate.
  8. Attenzione agli Integratori Alimentari. Ultimamente gli integratori sono oggetto di ampia osservazione. Si tratta di prodotti utili a integrare alcune carenze, ma possono causare diversi effetti collaterali. Soprattutto, non aiutano nella prevenzione dei tumori.
  9. Allattare al seno se possibile. Da molti anni viene incentivato l’allattamento al seno, anche prolungato oltre l’anno di età del bambino. La pratica è protettiva nei confronti di neonato e della mamma, per la quale risultano minori le probabilità di sviluppare tumori alla mammella.

Conclusioni

Da tutti questi consigli se ne evince che, in fondo, non servono pratiche complicate per vivere meglio. La Scienza sta semplicemente dimostrando con dati alla mano ciò che i nostri “antenati” già sapevano. Che era preferibile vivere in armonia con la Natura, seguire i ritmi delle stagioni, che è meglio non “straviziare”. Certo, con la Ricerca abbiamo ampliato e arricchito questi concetti con indicazioni più chiare e precise. Adesso le possiamo facilmente seguire per vivere più in salute.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

(le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici pubblicati su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi)