Buoni postali o conti deposito, quali conviene scegliere in base ai rendimenti? La domanda che si fanno in molti

A causa dell’inflazione e dell’aumento del costo della vita sono mutati i rendimenti dei buoni postali o dei conti deposito.

Poste Italiane ha aggiornato i tassi di interesse offerti dai buoni fruttiferi postali rendendoli più competitivi in termini di costi e rendimenti.

rendimenti buoni conti
Canva

Ma non solo buoni postali. Molti risparmiatori cercano di capire dove investire per ottenere rendimenti migliori tra buoni fruttiferi postali e conti deposito.

Buoni postali o conti deposito quali conviene scegliere in base ai rendimenti?

Chi investe con Poste Italiane sa che i buoni fruttiferi postali sono emessi da Cassa depositi e prestiti (CDP) e garantiti dallo Stato. Hanno una tassa agevolata al 12,50% e i rischi di perdere il capitale sono molto bassi.

Poste offre una grande varietà di scelta di buoni postali sia a lunga scadenza sia a breve scadenza. Di conseguenza anche i rendimenti variano.

Il Buono ordinario ha un rendimento annuo lordo a scadenza del 2%. I buoni 3 anni Premium e 3 anni Plus hanno rispettivamente un rendimento annuo lordo pari al 1,50% e all’1%. Anche il Buono 4 anni alla scadenza renderà l’1%.

Però, sono i titoli a lunga scadenza che hanno i rendimenti annui lordi più interessanti. Ad esempio, con il Buono 3×2, con scadenza 6 anni, il rendimento è dell’1,75%. Invece, quello che scade dopo 12 anni, quindi il Buono 3×4, ha un rendimento pari al 2%.

È quello 4×4, infine, buono postale con l’interesse migliore: 3%. Però, il buono postale con il rendimento più alto, pari al 3,50%, è quello dedicato ai minori.

Insomma, è evidente che investendo in questi titoli il risparmiatore potrà guadagnare in modo regolare e crescente. Ma non solo. Potrà essere rimborsato dell’intero capitale anche prima della scadenza. In questo caso però gli interessi non saranno versati.

Banca Aidexa e Banca Progetto

Un altro modo per poter guadagnare è affidarsi a conti deposto. Si tratta di un particolare strumento di risparmio in cui l’investitore, però, è vincolato alle spese di apertura e chiusura conto e all’imposta di bollo. Si tratta di un investimento che dipenderà dalle variabili patrimoniali dell’istituto di credito.

Tra i migliori conti depositi segnaliamo quelli della Banca Aidexa. Infatti, questo istituto di credito offre, oltre a una esenzione delle spese di bollo, anche un tasso netto dell’1,48%. Anche con Banca Progetto le spese di bollo sono assenti, ma per il conto deposito offre un tasso dell’1,38%.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Per poter risparmiare sui costi e sulle spese di gestione è importante scegliere la banca giusta. Chiedere consiglio ai consulenti esperti è sicuramente la scelta migliore.