Fondo Pensione: fantastico, in arrivo importanti e vantaggiose novità per questa categoria

L’INPS ha comunicato che vi saranno delle grosse novità relative al Fondo Pensione Casalinghe e Casalinghi. Cosa ha previsto?

Chi svolge un lavoro familiare senza retribuzione dal 1997 può accedere al Fondo Pensione Casalinghe e creare, così, una propria posizione previdenziale.

fondo pensione
Adobe Stock

Il Fondo Pensione Casalinghe è un Fondo previdenziale facoltativo dell’assicurazione generale obbligatoria, creato nel gennaio del 1997, al quale possono aderire uomini e donne impegnanti in faccende di responsabilità familiari. La peculiarità di tale Fondo è la libera adesione; è l’interessato, dunque, che sceglie se accedervi e quale importo versare.

Dal mese di giugno, è possibile presentare domanda di iscrizione al Fondo Pensione Casalinghe e Casalinghi anche in via telematica.

Leggi anche: “Casalinghe: in arrivo 500 euro per chi si occupa della casa e della famiglia, ma è davvero così? La risposta inaspettata“.

Fondo Pensione Casalinghe: chi può iscriversi?

Il Fondo Pensione è rivolto agli appartenenti ad un nucleo familiare che abbiano un’età anagrafica compresa tra i 16 anni e i 65 anni e che:

  • prestano un’attività domestica destinata alla cura della famiglia;
  • non svolgono attività lavorativa dipendente o autonoma, per la quale è obbligatoria l’iscrizione ad altro Ente o Cassa previdenziale. Nel caso in cui, invece, si presta un’attività lavorativa continuativa a orario ridotto, la legge prevede la riduzione, ai fini del diritto alla pensione, del relativo periodo di assicurazione obbligatoria;
  • non sono beneficiari di pensione diretta.

Consulta anche: “Pensione casalinghe INPS, l’inoltro della domanda per i contributi non è mai stato così semplice: la nuova procedura“.

Fondo Pensione Casalinghe: in che modo si presenta la domanda?

Per effettuare l’iscrizione in via telematica al Fondo, bisogna collegarsi al sito web dell’INPS (www.inps.it), accedere con le proprie credenziali digitali e cliccare sulle icone “Prestazioni e Servizi” – “Servizi” – “Fondo previdenza casalinghe – Iscrizione (Cittadino)”. L’utente, poi, deve firmare ed accettare le dichiarazioni sostitutive e l’informativa relativa al trattamento dei dati personali.

Una volta compilata la domanda, vi sarà l’acquisizione automatica della stessa da parte e del sistema e l’invio agli operatori INPS. L’interessato, inoltre, può salvare e conservare la ricevuta contenente il riepilogo delle informazioni inserite e il codice identificativo della domanda.

Per l’invio della richiesta, inoltre, ci si può rivolgere anche a Caf o Patronati. Anche per questi ultimi, l’inoltro della domanda può essere effettuato accedendo al sito istituzionale dell’INPS, attraverso il percorso “Prestazione e Servizi” – “Servizi” – “Fondo previdenza casalinghe – Iscrizione (Patronato)”.

Il portale dell’Istituto di previdenza infine, mette a disposizione anche i seguenti strumenti:

  • Iscrizione al Fondo”;
  • La tua domanda”, per coloro che sono già iscritti al Fondo;
  • Archivio Pagamenti”.

I versamenti da effettuare

Se l’iscrizione al Fondo Pensione Casalinghe e Casalinghi è andata a buon fine, allora l’utente iscritto può cominciare a procedere con i dovuti versamenti. Il pagamento dei contributi previdenziali si può compiere anche ricorrendo alla piattaforma “Nodo dei Pagamenti”, attraverso avviso di pagamento PagoPA.

Tramite la home page del sito web dell’INPS, si può accedere al Portale Pagamenti, per:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  • compilare e stampare gli avvisi di pagamento PagoPA;
  • effettuare i pagamenti dei contributi online, attraverso lo strumento online PagoPA;
  • salvare e stampare le ricevute dei pagamenti effettuati con PagoPA.

L’INPS, attraverso il Messaggio n. 2378 dell’11 giugno 2022, inoltre, ha predisposto che i pagamenti dei contributi possono avvenire in ogni periodo dell’anno e per un importo libero. Tuttavia, la cifra minima relativa ad un mese di contribuzione è pari a 25,82 euro. Il cittadino può sapere l’esatto ammontare e il numero dei contributi (espressi in mesi) di ogni anno di iscrizione al Fondo, dividendo l’importo complessivo pagato nell’anno di riferimento per 25,82 euro.