Comprare casa all’asta è una scelta conveniente? Ecco 4 consigli per non sbagliare

L’acquisto di un immobile è sempre un’operazione di rilievo per le finanze di una persona, ma comprare casa all’asta può far risparmiare non poco.

Se vuoi comprare casa e stai valutando se considerare l’opzione dell’asta, farai bene ad avere chiare le idee su almeno alcuni degli aspetti chiave della procedura. Ciò ti servirà a non compiere scelte sbagliate.

Casa asta
Adobe Stock

Tutti i futuri acquirenti di un immobile valuteranno varie opzioni di acquisto, al fine di trovare ciò che cercano e magari risparmiare qualcosa. L’acquisto potrebbe essere legato alla volontà di comprare una nuova abitazione dove andare a vivere, oppure potrebbe essere mirato a realizzare un investimento per il futuro.

Ebbene, non bisogna dimenticare che un’alternativa a disposizione è comprare casa all’asta. Ciò però comporta di valutare bene la situazione e ponderare le proprie scelte. Facciamo allora il punto in materia: perché un immobile va all’asta? E quali consigli è meglio seguire per evitare spiacevoli sorprese? Scopriamolo di seguito. Oggi le case all’asta sono l’affare del momento, ecco cosa sapere per non sbagliare obiettivo

Comprare casa con un’asta: il contesto di riferimento

L’asta immobiliare rappresenta la fase della procedura esecutiva con la quale è possibile comprare un bene immobile. Detta fase comincia con la presentazione delle offerte e termina con l’aggiudicazione dell’immobile al miglior offerente.

Ogni persona fisica o giuridica, a parte il debitore, può partecipare ad un’asta immobiliare – con l’offerta di una somma di denaro per aggiudicarsi la proprietà dell’immobile messo all’asta.

Vero è che partecipa all’asta giudiziaria il soggetto che vuole realizzare un acquisto sicuro, ad un prezzo che è di solito più conveniente, e dunque più basso, rispetto ad un acquisto tradizionale.

Ed oggigiorno moltissimi tra coloro che intendono fare un investimento in campo immobiliare e comprare casa, ricercheranno con la massima attenzione proprio un’offerta al contempo economicamente vantaggiosa ed esente da brutte sorprese.

Perché una casa va all’asta? Ecco i motivi

Se ci si chiede perché le case sono messe all’asta, la risposta è molto semplice. Sussistono tre distinte ragioni per le quali un immobile finisce all’asta:

  • se i singoli debitori non sono in grado di pagare uno o più creditori, questi ultimi hanno il diritto di rivalersi sulle proprietà dei primi;
  • le aziende in caso di fallimento vedono venduti i propri beni;
  • gli enti pubblici, laddove decidano di vendere un immobile, devono obbligatoriamente farlo con un’asta che dia la più ampia trasparenza.

Si può intuire che non sono poche le situazioni pratiche in cui un immobile finisce all’asta, e dunque per un potenziale aggiudicatario le possibilità di sfruttare questo meccanismo, e comprare casa, di certo non mancano.

4 consigli chiave per coloro che intendono comprare casa all’asta

Tuttavia non è tutto oro quello che luccica. E’ sempre buona regola seguire alcuni accorgimenti per non rischiare di prendere qualche fregatura e trovarsi ad aver comprato un immobile, che sarebbe stato meglio non acquistare.

Ebbene, anzitutto occorre leggere con molta attenzione la perizia ordinata dal tribunale, ma in verità sarebbe preferibile farla leggere a un tecnico di fiducia, al fine di controllare la sanabilità di eventuali abusi edilizi.

In secondo luogo, l’interessato farà bene ad avere la certezza della copertura economica o di poter accedere ad un mutuo, al fine di poter mandare in porto l’intera operazione.

Inoltre, prima di comprare casa, gli esperti in materia di aste consigliano di verificare chi siano le persone che abitano l’immobile e di assicurarsi che nell’avviso di vendita sia inclusa la liberazione dell’immobile al momento della aggiudicazione o, al più tardi, della firma del decreto da parte del magistrato.

Tuttavia, a garanzia dell’acquirente e del buon esito di tutta la procedura, la legge dispone che la liberazione sarà comunque garantita, in ipotesi di non spontanea iniziativa da parte dell’occupante, con l’intervento della forza pubblica.

Quarta indicazione da dare a coloro che intendono comprare all’asta, è la visita all’immobile. Quest’ultima è infatti un passaggio chiave per evitare brutte sorprese, capire se la casa abbia bisogno di interventi di ristrutturazione e se sia davvero corrispondente alle proprie aspettative.

L’asta conviene? I vantaggi convenienza, sicurezza e trasparenza

Ricordiamo a questo punto che comprare casa all’asta può rappresentare un risparmio considerevole per il compratore. Infatti non di rado il prezzo di aggiudicazione è decisamente più basso del valore di mercato, potendo il giudice accogliere anche un’offerta al di sotto del 25%, rispetto al prezzo base. Altro elemento positivo è dato dal fatto che ogni volta che l’asta va deserta, in quanto il bene immobile non è aggiudicato, il prezzo cala progressivamente.

Un indubbio vantaggio che si ottiene acquistando un immobile all’asta è dunque quello di carattere economico. Tuttavia, occorre prestare attenzione: infatti il profitto che si può ottenere in concreto dipende dalla conoscenza del mercato immobiliare, dai lavori di ristrutturazione necessari e dalle possibili pendenze sull’immobile.

Inoltre, tutti gli interessati a partecipare ad un’asta debbono ricordare che si tratta di una modalità di acquisto “trasparente” perché la perizia, che include lo stato e le condizioni del bene, è sempre visionabile dal possibile acquirente.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base