Nuove occasioni di lavoro in 2 ambiti lavorativi con diploma o laurea: con queste selezioni il posto fisso è assicurato

La Provincia di Treviso ha bisogno di nuove unità da inglobare in due ambiti lavorativi differenti tra loro.

Per questo motivo ha deciso di emanare delle selezioni pubbliche con diversi requisiti. Vediamo di cosa si tratta più dettagliatamente.

Nuove occasioni di lavoro nella città di Treviso: con queste selezioni il posto fisso è assicurato
Canva

Delle nuove possibilità di lavoro arrivano direttamente dal Nord Italia, e, per la precisione, stiamo parlando della Provincia di Treviso, situata in Veneto. La Provincia ha così reso noto di voler ampliare due settori di lavoro che le competono con delle procedure concorsuali. Ovviamente, per poter partecipare alle stesse bisognerà soddisfare alcune requisiti, sia generali che formativi.

Tutti coloro che verranno assunti tramite le due selezioni avranno modo di lavorare a tempo pieno, ma anche indeterminato. Scendendo nei dettagli dei due bandi concorsuali, se sommati i posti resi disponibili da ognuno dei suddetti bandi, si arriva ad un totale di 3 posizioni aperte. Pertanto, si cerca un solo sorvegliante stradale, di categoria giuridica C1, il quale sarà assegnato al Settore Viabilità. E poi, gli ultimi 2 posti sono rivolti ad istruttori tecnici, sempre di categoria giuridica C1. Costoro, invece, saranno collocati presso il Settore Ambiente e Pianificazione Territoriale.

Tuttavia, è bene sottolineare come uno dei due posti di istruttore tecnico sia riservato ai volontari delle Forze Armate. Detto ciò, consigliamo anche di dare uno sguardo altre occasioni di lavoro. Ad esempio, Trenitalia è alla ricerca di candidati per 3 profili professionali di cui ha bisogno presso alcune sue sedi. Oppure, nel settore sanitario, segnaliamo il concorso per 119 posti nell’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani. Dopo questo piccolo preambolo, possiamo dedicarci alla descrizione delle due selezioni concorsuali.

Tutti i requisiti fondamentali per lavorare presso la Provincia di Treviso

Per partecipare alle due prove concorsuali bisogna essere cittadini italiani o appartenere ad uno degli stati che facciano parte dell’Unione Europea. Inoltre, è richiesta la maggiore età ed il pieno godimento dei diritti politici e civili. Per i soli candidati di sesso maschile nati entro il 1985 è richiesto lo svolgimento della leva militare obbligatoria. Necessaria per i due lavori è possedere la giusta idoneità psico-fisica.

Tuttavia, non può partecipare alle due selezioni chi è soggetto a condanne penali o a misure di prevenzione o sicurezza. Stessa cosa vale per chi ha dei procedimenti penali in corso che possono comportare l’interdizione presso un pubblico impiego. Non possono candidarsi anche coloro che sono stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti presso un impiego della pubblica amministrazione, o licenziati per carenza di disciplina.

I requisiti specifici richiesti per le due mansioni

Tuttavia, ogni mansione prevista dai due bandi della città di Treviso necessita di diverse formazioni tra loro. Ad esempio, per il ruolo di Sorvegliante Stradale è richiesto uno dei seguenti diplomi. Parliamo di diploma in Trasporti e Logistica, diploma in Costruzioni, Ambiente e Territorio e diploma in Meccanica, Meccatronica ed Energia. Oppure diploma in Manutenzione e assistenza tecnica, diploma in Agraria, Agroalimentare e Agroindustria e diploma in Gestione delle acque e risanamento ambientale. Infine, l’ultimo diploma richiesto è in Agricoltura, Sviluppo Rurale, Valorizzazione dei Prodotti del Territorio e Gestione delle Risorse Forestali e Montane. Fondamentale è il possedimento della patente B.

Per quanto riguarda, invece, gli Istruttori Tecnici, per loro c’è ampia scelta. O meglio, per essere più chiari, ci si può candidare se si ha un diploma di scuola superiore. Quelli maggiormente richiesti sono in Costruzioni, Ambiente e Territorio e Chimica Materiali e Biotecnologie. Stesso discorso vale per Gestione delle acque e risanamento ambientale.

Oppure, possono fare domanda anche coloro che possiedono una delle seguenti lauree triennali. Parliamo di Ingegneria civile e ambientale, Scienze geologiche, Scienze e tecnologie chimiche e Ingegneria industriale. Poi ancora in Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura e Scienze biologiche. Stesso discorso vale per chi possiede la laurea magistrale in Scienze chimiche, Scienze e tecnologie della chimica industriale  e Ingegneria chimica. Ma anche in Scienze biologiche, Scienze e tecnologie geologiche, Scienze della natura  e Scienze geofisiche. Infine, le ultime lauree magistrali richieste sono in Ingegneria per l’ambiente e il territorio e Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio. Anche per tale mansione, è necessaria la patente di categoria B.

Quante e quali sono le prove previste e come bisogna fare domanda

Per lavorare a favore della Provincia di Treviso bisognerà superare delle prove d’esame. In entrambi i concorsi, qualora il numero di candidati superi il numero 50 si passerà ad una prova di tipo preselettiva. La stessa prevederà un questionario che sarà o a risposta multipla chiusa oppure a risposta aperta. Poi, dopo una prima selezione, si passerà alle due prove d’esame ufficiali. La prima è di tipo scritta, mentre la seconda è di tipo orale.

I candidati possono inviare la domanda di partecipazione entro la data del 23 giugno 2022. Ovviamente, è prevista la modalità telematica. Infine, per leggere tutte le informazioni dei rispettivi concorsi, è possibile dare un’occhiata ai due bandi a questa pagina. Mentre, per quanto riguarda la piattaforma di candidatura, è possibile fare click su questo link e seguire le istruzioni riportate di seguito.