Come trasformare il proprio giardino in un paradiso verde e rilassante fatto di piante e colori accesi

Il giardino può trasformarsi in un piccolo posto dedicato al relax personale, oltre che per la vista, grazie all’utilizzo di alcune piante in particolare.

Queste, per via della loro natura, sono in grado di creare una piccola realtà al 100% naturale senza particolari pretese.

Come trasformare il proprio giardino in un paradiso verde e rilassante fatto di piante e colori accesi
Canva.com

Chi possiede un giardino lo sa: averne cura è abbastanza impegnativo. Un giardino richiede tante attenzioni, soprattutto se lo si vuol tenere in uno stato almeno decente. Dall’altra parte chi lo possiede lo può sfruttare soprattutto in estate. Immaginiamo tutte quelle famiglie che decidono di trascorrere compleanni oppure altre occasioni speciali utilizzando come location un giardino ben curato. Con tanto di sedie, tavoli e altalena a dondolo, il giardino può diventare un’oasi di pace. Tuttavia, però, il vero lavoro lo fa cosa decidiamo di utilizzare per rendere questo spazio una realtà totalmente verde e paradisiaca.

Ed è proprio la natura che arriva in soccorso di chi vuole trasformare il proprio giardino in una sorta di area terrestre totalmente rilassante. Infatti, anche l’occhio vuole la sua parte, e sembra così facile immaginarsi a leggere un buon libro sorseggiando del thé freddo mentre ci si sta rilassando su un’amaca. Ebbene, per arrivare ad un simile risultato è doveroso saper fare le scelte giuste. Per questo motivo, consigliamo di pensare alla vegetazione tappezzante, la quale riesce ad espandersi su tutta la superficie in cui si ritrova. Questa, riuscendo a coprire un simile spazio, garantisce un tappeto vegetale e naturale.

Vi sono diverse piante che permettono anche di godere di colori accesi, oltre che di decorazioni naturali per altre strutture. Insomma, sarebbe proprio il caso di sostituire il più classico prato e l’erba con questo nuovo modo di fare. Le piante tappezzanti creano una sorta di tappeto capace di estendersi fino a dove si vuole, e non richiedono particolari cure. Intanto, restando nel tema della natura, segnaliamo come il glifosfato negli alimenti possa essere cancerogeno. Lasciamo per un momento il mondo del verde, e agganciamoci al mondo del pulito e dell’ordine. Consigliamo di leggere questo articolo in cui ci viene detto come pulire le zanzariere con prodotto molto economico che di sicuro abbiamo in casa. Ebbene, detto questo, possiamo passare alla parte dell’articolo in cui conosciamo le piante che possono rendere il nostro giardino in uno spazio da sogno.

Di quali piante abbiamo bisogno per realizzare un giardino da sogno?

La prima tipologia di piante tappezzanti sono le piante perenni le quali mantengono gli steli e le foglie per tutta la durata dell’anno. Esse, inoltre, permettono di godere di colori accessi anche durante il periodo invernale. Con la giusta cura, si è in grado di farle fiorire tutto l’anno, potendo meravigliarsi di colori stupendi come il rosso, rosa e il bianco. Ovviamente, una simile colorazione dipende dall’esemplare che si sceglie. Una pianta del genere riesce a sopportare sia la luce diretta che quella indiretta. Stesso discorso vale anche per gli spazi di ombra. Per quanto riguarda l’acqua, è necessario che la si annaffi con frequenza.

Un’altra tipologia che potrebbe servire al nostro giardino sono le piante grasse, con grandi foglie aventi la peluria. Di norma, i fiori di questi piante tendono al colore arancio. Le stesse, poi, sono davvero molto semplici da curare, anche se, bisogna ammetterlo, resistono più al caldo che al freddo. Dunque, è sempre bene esporle al sole e annaffiarle di tanto in tanto.

Le ultime piante di cui non fare a meno per il proprio paradiso sotto casa

Anche gli arbusti potrebbero fare al caso di chi ha un giardino da curare. Sembrano degli alberi, ma sono più piccoli e non presentano il tronco. Si presentano con colori molto vividi i quali cambiano in base alla tipologia che si va a scegliere. Anche questa piante non richiede chissà quanta attenzione. È sufficiente annaffiarle di tanto in tanto ed esporle sempre al sole.

Le ultime piante che, sicuramente più delle altre, sono delle decorazioni naturali al 100% e che non richiedono chissà che intervento da parte dell’uomo, sono le rampicanti. Esse sono soprattutto utilizzate per le superfici verticali, permettendo di ricoprire tutta l’area entro la quale possono estendersi. Inoltre, è possibile godere di un verde acceso, foglie forti e piccoli e adorabili fiori. Sanno stare in ambienti umidi e dove è più forte la presenza dell’ombra che della luce. Per l’annaffiatura, è necessario rinfrescarle con frequenza. Nei mesi più caldi, tuttavia, è sempre bene aiutarle scegliendo il fertilizzante più giusto.

Le informazioni presenti nell’ articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici pubblicati su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi.