Bonus spesa 2022 per sempre e bisogna fare domanda subito per ottenere i soldi ogni mese con bonifico diretto

Il Bonus spesa 2022 può essere richiesto dalle famiglie meno abbienti per coprire le spese di beni di prima necessità. Scopriamo i requisiti di accesso alla misura, l’importo erogato e come si procede con l’inoltro della domanda.

I bandi attivati dai Comuni per la richiesta del Bonus spesa 2022 sono ancora aperti. Chi ne vuole approfittare deve procedere subito con l’invio della domanda di accesso per non rischiare di rimanere senza aiuti.

Bonus spesa 2022
Adobe Stock

Gli aiuti economici a sostegno dei cittadini sono di diversa natura. Il Governo eroga soldi alle famiglie in difficoltà con lo scopo di ammortizzare le spese legate all’acquisto di generi alimentari, dei prodotti per la cura della persona e della casa, al pagamento delle bollette di luce e gas. Le necessità sono molteplici dato che i rincari hanno colpito ogni settore con la conseguenza che i diritti da tutelare sono numerosi. Primo tra tutti il diritto di poter avere accesso ai beni di prima necessità. A tal fine il Governo ha ideato il Bonus Spesa erogato dai Comuni secondo modalità e caratteristiche diverse precisate nei bandi aperti ai cittadini bisognosi. In più è attivo un altro Bonus spesa denominato Carta Acquisti che permetterà di ricevere un importo mensile per sempre.

Conosciamo meglio la Carta Acquisti

La Carta Acquisti o Social Card permette di richiedere ed ottenere 40 euro al mese per sempre. Il contributo viene erogato ogni due mesi (80 euro) e può essere utilizzato per pagare le bollette oppure per fare la spesa al supermercato. Beneficiari della prestazione sono over 65 e i nuclei familiari con bambini di età inferiore a tre anni. Condizioni di accesso alla misura sono, poi, un reddito inferiore a 7.120,39 euro (stesso limite anche per l’ISEE) e un patrimonio immobiliare non superiore a 15 mila euro. La soglia limite diventa 9.493,86 euro per i cittadini over 70.

Tra i requisiti citiamo la cittadinanza italiana oppure di un altro Paese dell’Unione Europea e il permesso di soggiorno. Altra condizione è la titolarità di un’utenza domestica dell’energia elettrica e del gas. Per poter richiedere la Social Card basterà accedere alla piattaforma creata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e seguire la procedura di inoltro della domanda.

Bonus spesa, i bandi sono ancora attivi

All’importo mensile della Carta Acquisti è possibile aggiungere il Bonus spesa erogato dai Comuni grazie ai fondi statali. Si tratta di una misura che ogni Comune può gestire autonomamente scegliendo i beneficiari (e dunque stabilendo limiti reddituali o di ISEE), l’importo da erogare – si va da 150 euro fino ad oltre 800 euro in alcuni Comuni – e le modalità di inoltro della richiesta.

Per conoscere tutte le informazioni relative al Bonus della propria città occorrerà accedere al portale ufficiale del Comune di residenza, entrare nella sezione dedicata, controllare che il bando sia ancora attivo e verificare requisiti e condizioni di accesso. Se si soddisfano le richieste si potrà inviare la domanda telematicamente ma è bene procedere il prima possibile per evitare che le risorse finiscano.