Chi soffre di pressione alta non deve usare questo farmaco, si rischia una grave insufficienza renale

Una combinazione di farmaci per la pressione alta con l’ibuprofene possono causare un’insufficienza renale acuta. Lo studio.

Esistono farmaci molto efficaci e sicuri per combattere l’ipertensione, così come l’aiuto di una dieta equilibrata e sana. Ma secondo un recente studio, chi ha in corso una terapia con medicine per la pressione rischia gravi problemi di salute se combinate con l’ibuprofene.

Chi soffre di pressione alta
Adobe Stock

L’ibuprofene, come sappiamo, è un farmaco generico per cui non serve la prescrizione medica. È un antinfiammatorio molto usato e proprio per questo bisogna fare attenzione. Alcuni studiosi hanno individuato in un mix di terapie farmacologiche prescritte agli ipertesi la possibilità di sviluppare una grave insufficienza renale.

Chi prende questi farmaci rischia un’insufficienza renale che può portare anche alla morte

La comunità scientifica ha classificato una combinazione di farmaci sotto il nome di “triple whammy”. Si tratta in pratica di una situazione molto comune tra i pazienti ipertesi. Questo perché spesso ai farmaci inibitori del sistema renina-angiotensina assumono diuretici e anche ibuprofene.

Gli esperti hanno associato questa terapia ad un rischio di oltre il 30% di una grave insufficienza renale. Più precisamente una compromissione così avanzata che i reni non riescono più a filtrare le scorie del sangue. Le casistiche ci riportano una percentuale di probabilità di morte al 50%.

Grazie ad analisi e calcoli matematici, alcuni studiosi dell’Università di Waterloo hanno elaborato le interazioni tra i farmaci per la pressione e l’ibuprofene. Alcuni pazienti, con determinate condizioni di salute, hanno sviluppato forme gravi di insufficienza renale, talvolta permanenti e altre mortali.

Naturalmente, non è certo al 100% che la suddetta terapia faccia male a tutti i soggetti, proprio perché ognuno ha la sua risposta ad ogni medicina. Tuttavia gli esperti consigliano di chiedere sempre al medico se possono prendere l’ibuprofene. Soprattutto se hanno in corso cure con “inibitori del sistema renina-angiotensina (RAS), come gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACEI) o i bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB)e i farmaci diuretici normalmente prescritti in caso di ipertensione”.

Il rischio c’è e prima di assumere ibuprofene i pazienti ipertesi possono chiedere al medico curante un’alternativa. Gli esperti consigliano il paracetamolo o similari.

(le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici pubblicati su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi)