L’inflazione colpisce i risparmi, oggi una perdita di circa 10 euro al giorno sul conto corrente

L’inflazione si ha quando si registra un aumento generale dei prezzi e nel tempo il valore della moneta si riduce.

Questa si esprime in percentuale ed è influenzata da prezzo, domanda e offerta. In effetti, c’è una forte preoccupazione per i mutui con una batosta sui tassi di interesse, l’inflazione si fa sentire.

INFLAZIONE CONTO CORRENTE
Foto Canva

Dopo il lockdown, la ripresa delle attività e la pandemia in generale che avevano già messo a dura prova l’economia italiana la guerra tra Ucraina e Russia ha aggravato maggiormente la situazione.

Inflazione: una perdita di 10 euro al giorno sui conti correnti

Le conseguenze sono negative non solo a livello umano. Anche il clima di incertezza che si respira in Europa ha inciso in modo negativo sul tasso di inflazione.

Attualmente il tasso è al 7% circa quindi tenere i propri risparmi su un conto corrente ha costi molto alti. Anche perché i tassi di interesse sono a zero. Ma perché l’inflazione è così alta? Perché la produttività da due anni a questa parte non è riuscita a rispondere in modo adeguato alle varie domande del mercato.

Di conseguenza, i prezzi si sono alzati e così anche l’inflazione. A questa situazione bisogna aggiungere anche l’aumento del costo del gas e del petrolio a causa delle tante richieste da parte dei Paesi.

Un esempio

Per capire come funziona l’inflazione sui conti correnti si riporta un esempio pubblicato da Wall Street Italia.

Una persona ha sul proprio conto corrente 50mila euro. Alla fine dell’anno, guardando l’estratto conto, nota che, con un tasso del 7%, ha maturato una perdita di acquisto di 3.500 euro. Dopo un rapido calcolo, si rende conto che ogni mese perde circa 291,66 euro. Quindi, tale perdita sarebbe di 9,72 euro al giorno. Insomma, quasi 10 euro. Ecco come l’inflazione oggi penalizza risparmi e investimenti.