Poste Italiane, ultimo avviso: cosa sta per succedere ai libretti di risparmio

Occhio all’avviso di Poste Italiane in merito alle ultime novità sui libretti di risparmio. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

I libretti di risparmio si rivelano essere tra i prodotti più utilizzati e apprezzati, proprio per questo motivo è bene restare sempre aggiornati in merito alle novità.

poste libretti risparmio
Foto © AdobeStock

Il denaro non è garanzia di felicità ma aiuta sicuramente a risolvere un bel po’ di situazioni. Basti pensare a tutte le volte in cui sborsiamo del denaro ad esempio per pagare le bollette, la spesa settimanale e non solo. Visto l’importante ruolo del denaro, quindi, non stupisce che in molti cerchino di risparmiare il più possibile.

Questo al fine di poter avere qualche euro in più a cui attingere in caso di necessità. Ebbene, proprio in tale ambito si invita a prestare attenzione ad un recente avviso di Poste Italiane in merito alle ultime novità sui libretti di risparmio. Ma cosa sta succedendo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Pensione, attenzione: chi non invia questo modulo entro il 28 febbraio perde l’assegno

Libretti di risparmio, Poste Italiane avverte: tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già visto quanti soldi è opportuno tenere in giacenza sul conto corrente onde evitare di dover fare i conti con spiacevoli conseguenze. A proposito di soldi, inoltre, interesserà sapere che le condizioni contrattuali dei libretti di risparmio postale sono in fase di modifica.

A rendere ciò noto è stata Poste Italiane che ha deciso di fornire proprio dei chiarimenti in merito. In particolare ha reso noto che a partire dallo scorso 25 gennaio non è più attiva la proposta SuperSmart con durata 360 giorni. Ma non solo, solamente i titolari di Libretti Smart o nominativi ordinari monointestati potranno optare per il versamento di vaglia al dopo incasso recandosi presso un ufficio postale diverso rispetto a quello dove si è aperto il libretto.

Si invita, inoltre, a prestare attenzione al periodo di riferimento, ovvero 23 febbraio/3 marzo e 26 marzo/5 aprile 2022. Entrando nei dettagli ricordiamo che i possessori di Libretto Smart e nominativo ordinario cartacei devono rispettare un limite quando effettuano un prelievo allo sportello.

Stretta del Fisco sulle spese personali: la privacy non esiste, le sanzioni invece sì

Nel caso in cui non abbiano la carta libretto e si rechino presso un Ufficio Postale diverso da quello di apertura del Libretto in questione, infatti, è possibile effettuare ugualmente i prelievi, fino ad un importo massimo pari a 1.500 euro. Delle novità indubbiamente importanti per tutti i titolari di Libretto di risparmio, che devono pertanto prestare attenzione alle modifiche contrattuali rese note di recente da Poste Italiane.

Impostazioni privacy