Sparisce la pasta dai supermercati? Qualcuno di importante non la produce più

Caro carburanti, una nota azienda italiana protesta bloccando i tir e la produzione. Scopriamo quale importante alimento non arriverà nei nostri piatti.

La situazione generale continua a peggiorare. Il caro carburanti non rallenta e una storica azienda italiana ha deciso di protestare sospendendo la produzione e il trasporto.

tir bloccati carburante
Web

Le famiglie italiane non sono le uniche colpite dai numerosi rincari che da qualche mese a questa parte imperversano. Le aziende e le imprese sono sotto attacco in egual modo dato l’aumento dei costi delle materie prime. Le ripercussioni economiche della pandemia sembrano non lasciare il posto ad una graduale ripresa e il ritorno alla normalità tarda ad arrivare sia sul piano sociale che economico. L’elevato costo del carburante, poi, incide negativamente sui trasporti commerciali mentre i rincari dell’energia elettrica gravano sulla produzione. Quali sono le conseguenze? “La Molisana” ha pensato di protestare bloccando i tir e, dunque, fermando la produzione.

Venerdì 25 febbraio è meglio non muoversi di casa: ecco perché

Caro Carburanti, La Molisana protesta

Il contesto in cui viviamo è drammatico sia per tante famiglie italiane che faticano a pagare bollette e le spese mensili generali sia per le aziende bombardate da spese di varia natura che gravano pesantemente sul bilancio aziendale. I primi a reagire al caro carburanti e ad intentare una protesta sono stati i camionisti. I tir sono stati bloccati a partire dalla Puglia e i trasporti interrotti con chiare conseguenze su più piani. In seguito a tale protesta, La Molisana ha optato per un blocco totale. Le motivazioni si possono riscontrare dalle parole dell’Amministratore Delegato della storica azienda italiana.

Nutella, cosa succede se la mangi tutti i giorni? La risposta non è così scontata

Giuseppe Ferro ha comunicato che i loro camionisti non possono uscire dallo stabilimento in quanto verrebbero fermati dai colleghi camionisti che hanno iniziato la protesta. Di conseguenza, la semola non può giungere dal mulino allo stabilimento e la pasta non può arrivare alla grande distribuzione. Ciò ha portato necessariamente alla sospensione della produzione.

Cosa accadrà nei prossimi giorni

La previsione di Giuseppe Ferro è chiara. Tante altre aziende opteranno per la sospensione della produzione come ha fatto La Molisana. Gli scaffali dei supermercati pian piano si svuoteranno e i consumatori pagheranno altre conseguenze del caro carburante. Il Governo è chiamato ad intervenire al più presto con misure adeguate che possano sostenere sia le aziende che le famiglie in un periodo particolarmente complicato.

Impostazioni privacy