Vene varicose, non solo inestetismo: è il sintomo di una grave carenza

Le vene varicose sono molto frequenti, possono comparire pressoché a qualsiasi età, e segnalano tra le altre cose una grave carenza.

Spesso i sintomi che ci manifesta l’organismo non vengono associati correttamente a ciò che li ha innescati. Uno degli esempi in questo senso è la comparsa delle vene varicose, che non sempre è fisiologica.

perché vengono le vene varicose
La comparsa delle vene varicose può essere il sintomo di una grave carenza – InformazioneOggi.it

Solitamente infatti lo sviluppo delle vene varicose è più diffuso nelle donne, ma anche nei soggetti obesi, negli sportivi, o più frequentemente nelle persone anziane. In linea generale però si manifestano quando per diverse concause le pareti delle vene superficiali perdono elasticità.

Vene varicose, quali sono le possibili cause? Ce n’è una insospettabile

Alcuni soggetti provano molto dolore alle vene varicose, inoltre tra i vari effetti collaterali di questa condizione c’è anche il prurito e una stanchezza della parte lesa molto più marcata del normale.

Il classico esempio è avere molte vene varicose sulle gambe, e soffrire così tanto che alla fine si interviene chirurgicamente. Com’è intuibile, solamente il medico curante può consigliare nel modo corretto il paziente, adottando la terapia più idonea. L’intervento chirurgico, tra l’altro, è parzialmente risolutivo perché non è escluso che le vene varicose si ripresentino.

Come abbiamo detto, sono diverse le cause che possono indebolire le vene superficiali degli arti, ma in realtà anche una grave carenza da vitamina D è considerata una di quelle probabili. Ecco perché sviluppare vene varicose non è una condizione tipica delle persone anziane ma può capitare anche in giovane età.

La carenza da Vitamina D è molto frequente, perché oltre all’alimentazione corretta è necessaria anche l’esposizione ai raggi del sole per poterne produrre a sufficienza. Non a caso, se manca la Vitamina cosiddetta “del sole” si avverte una stanchezza eccessiva, depressione emotiva, e non è infrequente che si vada maggiormente incontro a infezioni.

In caso di vene varicose, dunque, può essere più opportuno fare un esame del sangue per capire se in atto ci sia anche una carenza da vitamina D. Infatti solo tramite gli esami si capisce veramente se c’è necessità di integrare la vitamina, cn farmaci o integratori. Anche perché agire in autonomia è sempre sconsigliato, in quanto dosi eccessive di vitamina D possono causare seri disturbi alla salute, dalla nausea e inappetenza fino a problemi a carico dei reni.

Impostazioni privacy