Bonus Lettura 2024: al via le domande, finanziamenti fino a 5mila euro

Come funziona il bonus lettura e Biblioteche 2024: domande, finanziamenti, scadenza e dettagli da sapere

Attenzione sempre alta da parte degli utenti interessati quando si parla di Bonus e misure, proprio come nel caso del bonus Lettura e Biblioteche 2024. Si tratta di una misura che permette la possibilità di aver accesso alle risorse stanziate riguardo il Fondo lettura in favore delle biblioteche scolastica ed i sistemi bibliotecari.

Bonus lettura e biblioteche 2024
Come funzionali Bonus lettura e biblioteche 2024: data di scadenza e aspetti da sapere – informazioneoggi.it

Recentemente, infatti, in Gazzetta Ufficiale vi è stata la pubblicazione del comunicato da parte del Ministero della Cultura, che va a disciplinare l’assegnazione delle risorse inerenti il Fondo per la promozione della lettura, della tutela e della valorizzazione del patrimonio librario in relazione all’anno in corso.

Per quel che riguarda l’accesso al fondo, a poter presentare la richiesta sono i sistemi bibliotecari e le biblioteche scolastiche, i quali potranno ricevere un finanziamento che può essere variabile. In termini di importo, infatti, si può partire da minimo duemila euro, arrivando sino ad untassimo di cinquemila.

A seguire, i dettagli sulla data di scadenza entro cui poter inviare la domanda, alcuni dettagli sul piano di spesa e cosa dovrà esser finalizzato a coprire e cosa non rientra fra le spese finanziabili.

LEGGI ANCHEBonus over 40: come aumentare le entrate mensili

Bonus Lettura e Biblioteche 2024, alcuni aspetti da approfondire: occhio alla data di scadenza del 3 maggio

Desta dunque attenzione il bonus Lettura e Biblioteche 2024, misura che si lega al Fondo per la promozione della lettura, della tutela e della valorizzazione del patrimonio librario.

In merito al suddetto bonus, occorre sapere che il piano di spesa dovrà esser finalizzato alla copertura di taluni servizi tecnologici, per esempio noleggio/acquisto dei supporto informatrici, software ed hardware. O ancora, l’allestimento e servizi vari, per esempio l’acquisto del materiale librario oppure il noleggio, o l’acquisto, di vari arredi ed attrezzature.

A farne parte sono anche le spese per il personale esterno, ospiti e relatori, al pari di quelli per la logistica, le spese di viaggi e soggiorno, a patto che l’importo massimo non sia maggiore del venti per cento del finanziamento ricevuto.

LEGGI ANCHEBonus di 3.000 euro per una categoria di lavoratori: scopri se sei tra i fortunati beneficiari

Qualora si trattasse di istituti scolastici, le spese potranno aver a che fare col personale interno o esterno con determinate competenze professionali rilevanti per il concreto svolgimento dei progetti. Per concludere poi, è il caso anche delle attività di tutela, per esempio la catalogazione oppure la manutenzione, pur se affidate a terzi.

All’interno delle spese finanziabili non rientrano però i costi che si legano alla formazione dipendenti. Passando all’invio delle domande, la presentazione può aver luogo soltanto ed esclusivamente mediante la piattaforma telematica. Le date da tener presente per l’invio sono quelle del 03.04.2024, sino al 03.05.2024.

L’accettazione delle istanze d’acceso al Fondo avverrà tramite una analisi di competenza di una specifica Commissione valutatrice. Questa, la pagina di riferimento per saperne di più ed approfondire i diversi punti, tramite la consultazione anche delle linee guida e la sezione inerente le FAQ prima di registrarsi e procedere all’invio.

Impostazioni privacy