Verdura e frutta più contaminata da pesticidi, sono molti a non saperlo e la consumano quotidianamente: la verità emersa non lascia dubbi

Le mele che mangiamo sono piene di pesticidi, e non solo: frutta e verdura sono che finiscono in tavola sono praticamente avvelenate.

Non è, purtroppo, una favola: le mele che mangiamo sono altamente nocive per la salute, così come altre decine di frutti e verdure. L’Environmental Working Group (EWG) effettua ogni anno delle analisi ed è noto per i suoi report chiamati “la sporca dozzina”, inerenti la contaminazione da pesticidi su frutta e verdura.

pesticidi nelle mele, nella frutta e verdure
Il 99% delle mele è contaminato da pesticidi e non va meglio per altra frutta e verdura – InformazioneOggi.it

Anche quest’anno ha pubblicato il report e ciò che emerge è davvero preoccupante. Solo pochi cibi si salvano e la certezza è che ogni giorno mangiamo frutta e verdura stracolme di sostanze tossiche, che possono causare tumori e altre disturbi gravi alla salute e alla fertilità.

Mele contaminate, così come tanti altri frutti e verdure, cosa fare per tutelare la salute

Leggendo il report di EWG verrebbe in mente una cosa sola: non possiamo più mangiare alimenti freschi visto che sono contaminati da insetticidi, pesticidi e altre sostanze chimiche. Gli esperti assicurano però che potremmo acquistare solamente cibi Bio, in modo da limitare i danni.

Ma non sempre è possibile reperirli, e poi sappiamo che frutta e verdura proveniente da agricoltura biologica costa di più, e non tutti possono permettersi questo “lusso”.

Leggi anche: Frutta, verdura e pesticidi: la lista dei prodotti più contaminati, incredibile cosa finisce nei nostri piatti

È importante però capire cosa succede se si continua a mangiare frutta contaminata. Addirittura gli effetti dei pesticidi sono ancora più deleteri per la salute dei bambini; secondo gli esperti dell’Accademia Americana di Pediatria, infatti, “i bambini sono particolarmente più esposti e sensibili agli effetti dei pesticidi”, che possono causare loro svariate malattie, tra cui:

  • tumori
  • problemi comportamentali
  • difficoltà di apprendimento.

L’esposizione ai pesticidi è stata collegata anche a molte altre malattie gravi, come l’artrite reumatoide, il lupus, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e i carcinomi.

Sonya Lunder, analista dell’EWG e autore del report spiega che grazie alle loro tecnologie riescono a capire quali siano i prodotti maggiormente a rischio contaminazione, e dunque che le famiglie dovrebbero acquistare i prodotti Biologici.

In cima alla “Sporca Dozzina” compaiono le mele: è da 5 anni che risultano il frutto più contaminato. A seguire, cavolo e peperoncino. E poi, ecco gli altri:

  • Mele – il 99% dei campioni di mele sono risultati positivi ad almeno un residuo ai pesticidi.
  • Pesche
  • Fragole – sono risultate positive a 13 pesticidi diversi.
  • Uva – un singolo grappolo d’uva è risultato positivo a più di 15 pesticidi.
  • Sedano
  • Spinaci
  • peperoni dolci
  • Cetrioli
  • Pomodorini
  • Pisellini
  • Patate – Le patate sono risultate il cibo più contaminato in assoluto.

Lascia un commento


Impostazioni privacy