Accesso ai servizi INPS: cosa succede se non si ha lo SPID? Niente panico, ecco la soluzione

I contribuenti possono accedere a tutti i servizi messi a disposizione dall’INPS tramite lo SPID. Ma per chi non lo possiede, quali alternative ci sono?

Tutti i servizi forniti dalla Pubblica Amministrazione possono essere usufruiti dagli utenti comodamente da casa, tramite pc, tablet o smartphone.

servivi telematici inps senza spid
Come si usufruisce ai servizi online dell’INPS se non si ha lo SPID? – InformazioneOggi.it

È sufficiente essere in possesso di una valida identità digitale, come lo SPID.

Lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, permette di ottenere un codice PIN univoco per effettuare l’accesso online ai servizi della Pubblica Amministrazione. In pratica, con una sola identità, si può entrare in tutte le piattaforme telematiche e ottenere i documenti di cui si ha bisogno o compiere pagamenti senza fare la coda.

Non tutti i cittadini, tuttavia, possiedono lo SPID o possono recarsi di persona presso gli Uffici INPS (si pensi, ad esempio, a un anziano o un disabile). Come possono fare queste persone per accedere ai servizi telematici messi a disposizione dall’Ente? Scopriamolo.

Leggi anche: “SPID, il rinnovo è per 2 anni, ma a breve avrà un altro nome: cosa c’è da sapere sull’identità digitale“.

Accesso ai servizi telematici INPS senza lo SPID: l’istituto della delega

I cittadini che non possono usufruire autonomamente dei servizi INPS perché non hanno lo SPID, possono delegare un soggetto di fiducia. La Circolare n. 127 del 12 agosto 2021 chiarisce in che modo deve essere rilasciata la delega affinché possano essere utilizzati i servizi online.

Chi soffre a causa di specifiche patologie (ad esempio, è allettato o ricoverato in ospedale) può chiedere la registrazione della delega attraverso un familiare o una persona di fiducia.

In tal caso, il delegato dovrà recarsi presso uno sportello INPS e mostrare la seguente certificazione:

  • modulo di richiesta per la registrazione della delega dell’identità digitale per coloro che sono impossibilitati a recarsi presso le sedi INPS per ragioni di salute (cd. Modulo AA09);
  • documentazione sanitaria redatta da un medico del Sistema Sanitario Nazionale dal quale risulta l’impossibilità del soggetto delegante a raggiungere le sedi INPS;
  • valido documento di identità del delegante;
  • copia del documento di identità del delegato.

Leggi anche: “Con lo SPID richiedere il passaporto è più pratico e veloce, funziona e si evitano file estenuanti“.

La piattaforma INPS concede agli interessati anche la possibilità di registrazione online della delega di identità digitale, attraverso web meeting. Ai fini della registrazione della delega, sia il delegante sia il delegato devono collegarsi a un’apposita sessione in videochiamata. Il delegante, tuttavia, deve essere perfettamente in grado di comunicare e di esprimere, in maniera totalmente libera e consapevole, la propria volontà a concedere la delega.

Nel Messaggio n. 3026 del 1° agosto 2022, inoltre, sono contenute le indicazioni per effettuare l’accesso al servizio, la strumentazione tecnologica necessaria e la documentazione per la registrazione. Tale servizio può essere fruito da tutori, curatori, amministratori di sostegno ed esercenti la potestà genitoriale, ai fini della registrazione della delega per i soggetti rappresentati o i minori.

Lascia un commento


Impostazioni privacy