Vieni a risparmiare sul pieno di carburante, i preziosi trucchi da mettere in pratica per pagare molto meno

Trucchi, comportamenti e strumenti per pagare meno il carburante e risparmiare sul pieno tutti i dettagli da sapere

Sono in tanti a chiedersi come risparmiare sul carburante e pagare di meno il pieno, un tema che sta a cuore a tutti gli automobilisti e che è possibile approfondire tenendo presente qualche trucco, alcuni comportamenti da assumere, senza dimenticare il prezioso aiuto che può arrivare dalla tecnologia, tramite dalle app da scaricare sul proprio dispositivo mobile.

Come risparmiare sul carburante: consigli da seguire
Risparmiare sul carburante, consigli, trucchi e occhio a questi aspetti per riuscirci – informazioneoggi.it

Infatti, risparmiare sul pieno è possibile, se si mettono in pratica trucchi ed accortezze sotto vari aspetti. In primo luogo stando attenti a dove ci si rifornisce, così come al modo in cui si guida, alla manutenzione ed altro ancora.

Partendo proprio dall’ultima, come spiega Altroconsumo.it, la manutenzione periodica, anche successivamente al periodo di garanzia, è fondamentale. Anzitutto per mantenere l’efficienza del motore ma anche per la minimizzazione dei costi. Nel caso le parti essenziali dell’accensione, iniezione ed alimentazioni non lavorino in assoluta efficienza, i consumi possono incrementarsi anche del 10 o 20 per cento.

Attenzione quindi ai filtri dell’aria, all’olio e ai pneumatici tra le altre cose, con cambi, pulizia e manutenzione periodici, anche ovviamente per ragioni di sicurezza, oltre che di consumi. Un filtro intasato può tradursi in un aumento dei consumi sino al 10%, si legge, mentre la corretta manutenzione dell’olio può portare ad una riduzione anche del 3%. Rispetto ai pneumatici, ogni 0.2 bar di pressione persa può portare ad una crescita del consumo dell’1 o 2 per cento.

Poi, il corretto stile di guida è centrale per la sicurezza di se stessi e degli altri, ma anche per i consumi. Chi guidasse spesso in autostrada, soprattutto se al massimo delle velocità permessa, consumerebbe di più. Sarebbe bene ridurre la velocità, e andando in autostrada ad esempio, indicativamente, a 110 e non 130 km/h, il consumo potrebbe essere del venti per cento in meno.

Attenzione anche allo stile di guida in città, che sarebbe meglio fosse dolce dal punto di vista delle accelerazioni e cambi di marcia, così come delle frenate, rallentando con dolcezza quando si sa che ci si dovrà fermare.

LEGGI ANCHE: Bollo auto: ecco come pagarlo per ottenere uno sconto e risparmiare da subito

Come risparmiare sul carburante: le utilissime app che non possono mancare

Per risparmiare sul carburante, se possibile sarebbe bene evitare il rifornimento in autostrada, poiché mediamente il prezzo è maggiore rispetto al medio nelle stazioni cittadine. Si tratta comunque di un mercato locale e occorre valutare caso per caso. Spesso ad esempio le pompe bianche, spiega Altroconsumo, significano convenienza, ma le analisi dell’associazione, si legge, indicano che non è sempre così. È dunque importante decidere verificando i prezzi esposti.

Occhio poi alla modalità self, che risulta esser meno costosa del servito, e in alcune province si può arrivare ad una differenza anche del 9%. Vi sono poi alcuni suggerimenti da tener presente che possono risultare preziosi

Anzitutto evitare il rifornimento qualora l’autobotte stesse scaricando carburante all’interno delle cisterne. Si potrebbe rischiare di inserire una quantità minore di carburante rispetto a quanto pagato, poiché serve tempo per consolidare il volume dello stesso.

LEGGI ANCHE: App per risparmiare: i vantaggi per la spesa, benzina, bollette e shopping, funziona sul serio

Nel caso del rifornimento al servito, è bene controllare che il contatore risulti azzerato prima di iniziare, mentre nei distributori di marca va prestata attenzione a “self” e “iperself”, che potrebbe legarsi a tariffe diverse. In tal senso, meglio dare un’occhiata prima della scelta della pompa. Importante anche verificare il prezzo presente sulla pompa sia corrispondente a quello esposto.

Come detto però in apertura, un sostegno importante e prezioso può arrivare dalle app per risparmiare sul carburante. Vi sono infatti applicazioni gratuite che permettono ad esempio la consultazione dei prezzi aggiornati, distributore per distributore, indicandoli sulla mappa.

Varie le possibilità a cui far riferimento, ad esempio c’è Prezzi Benzina, disponibile sia in app che portale web, con presenti varie info utili e che permette di trovare il distributore più economico nei pressi, tra le altre cose. Preziosa fra le varie app anche Fuelio, intuitiva e facile da usare, ad esser indicati sono i distributori più convenienti nelle vicinanze. Grazie alla mappa si possono ricercare distributori e facendo tap sulle icone, si possono approfondire dettagli come prezzi disponibili e date di aggiornamento degli stessi.

Lascia un commento


Impostazioni privacy