Tonno scaduto venduto ‘in offerta’, occhio alle etichette: ecco come ci hanno fregato

Nuovo scandalo che riguarda la distribuzione alimentare; sono state sequestrate migliaia di confezioni di tonno scaduto, venduto ri-etichettato.

I consumatori sono oggetto di frodi alimentari continue, e dopo quelle scoperte che riguardavano olio extravergine di oliva arrivano pessime notizie; una maxi operazione ha permesso di scoprire un’organizzazione fraudolenta.

scoperta frode alimentare tonno scaduto rietichettato
Le Forze dell’Ordine hanno scoperto un’attività fraudolenta ai danni dei consumatori di tonno – Informazioneoggi.it

Le indagini sono state svolte dall’Europol e dalla guardia civil spagnola insieme ai carabinieri italiani, e sono state sequestrate almeno 120 mila conserve di tonno nonché 45 mila litri di olio (di scarsa qualità) usato nelle lavorazioni.

Tonno scaduto venduto come “fresco”, ecco cosa è successo e a quale marchio prestare attenzione

I malviventi avevano organizzato un’attività fraudolenta a danno dei consumatori. In pratica toglievano dalle confezioni di tonno le etichette con la scadenza e ne mettevano di nuove, con date diverse.

Non solo: all’interno delle confezioni di tonno veniva usato dell’olio scadente, o comunque diverso da quello dichiarato in etichetta; ad esempio al posto dell’olio extravergine era stato messo olio di sansa o di girasole.

Gli stabilimenti coinvolti sono stati individuati in quelli di Plaza Chica, che nascondevano dei laboratori clandestini. Le autorità hanno infatti trovato le prove del crimine, come ad esempio grandi contenitori con acqua calda dove i barattoli di tonno venivano immersi per far sì che le vecchie etichette venissero via facilmente.

Il problema è che da Plaza Chica ogni anno partivano 2 mila tonnellate di tonno destinate anche in Italia, e il nome del brand finale era anche diverso. In sintesi, potremmo aver acquistato confezioni di tonno (magari in offerta) con etichette dei marchi famosi ma che in realtà provenivano dallo stabilimento criminale.

L’unico modo per difendersi da questo tipo di frode è controllare molto bene il prodotto che si sta acquistando. Nel caso del tonno, meglio preferire i barattoli in vetro e guardare bene il colore del pesce; deve essere rosato, brillante, e non tendente al giallino/marrone.

Purtroppo l’industria alimentare dimostra sempre più spesso le sue criticità; dovremmo in qualche modo prestare sempre la massima attenzione, e forse acquistare di meno ma acquistare prodotti di altissima qualità, rivolgendoci alla pescheria invece. Purtroppo la sicurezza non l’avremo mai perché i criminali sono sempre pronti a ideare qualche truffa ai danni dei consumatori.

Lascia un commento


Impostazioni privacy