Scoperta incredibile sui rischi d’infarto, alcuni arrivano al 51% di probabilità in più, ecco perché

Di recente le malattie cardiovascolari e anche l’infarto sono aumentati esponenzialmente. La colpa sembra non sia solo dello stile di vita.

Spesso sentiamo i medici e ricercatori che affermano quanto sia pericoloso non fare una dieta sana, o vivere un’esistenza di eccessi, perché abitudini errate portano a contrarre numerose malattie tra cui trombosi venose, arresti cardiaci, occlusioni o ictus.

chi corre più rischi di infarto
Una recente scoperta ha trovato altre cause possibili di infarto – InformazioneOggi.it

In parte questo è vero, ma secondo alcuni scienziati ci sono determinate categorie di persone che rischiano molto di più. La scoperta, fatta di recente, può innescare perplessità e anche tante domande.

Ecco chi sono i soggetti che incorrono maggiormente in problemi cardiaci e anche infarto

L’infarto miocardico  un evento gravissimo che avviene quando il flusso di sangue diretto al cuore subisce un arresto, a causa di un’ostruzione arteriosa.

In Italia il numero di infarti sta aumentando vertiginosamente, e ad oggi si stimano più di 100 mila attacchi di cuore all’anno, la maggior parte dei quali si rivela fatale.

I medici sanno che molto si può fare con la prevenzione, ma secondo un team di ricercatori c’è un altro fattore da tenere in considerazione: il tipo di sangue. La scoperta è abbastanza sensazionale, perché secondo gli scienziati c’è una correlazione tra il gruppo sanguigno e le probabilità di avere problemi al cuore come occlusioni e anche infarti. Il team di ricercatori è arrivato a questa conclusione esaminando molti soggetti e dati.

La ricerca è stata pubblicata dall’American Heart Association, e in sintesi i ricercatori sostengono che chi ha il gruppo sanguigno A, B o AB ha più probabilità di avere arresti cardiaci e altri disturbi più o meno gravi al cuore. Invece chi ha il sangue del gruppo 0 sembrerebbe più protetto da questo tipo di malattie ed eventi gravi.

Più nello specifico è emerso che:

  • i gruppi A, B e AB hanno l’8% di probabilità in più di infarto, il 10% di probabilità in più di arresto cardiaco e fino al 51% di probabilità in più di occlusioni venose, rispetto a chi ha un gruppo sanguigno 0.

Secondo Tessa Kole, il capo del team di ricercatori, ciò deriverebbe dalla presenza di una proteina coagulante presente nei gruppi A, B e AB che manca invece nel gruppo 0, che aumenterebbe le probabilità.

La scoperta potrebbe portare a innovare anche la concezione dei farmaci. Ad esempio, un determinato farmaco potrebbe funzionare meglio o peggio a seconda del gruppo sanguigno del paziente e quindi si potrebbero ideare terapie più personalizzate.

Lascia un commento


Impostazioni privacy