Caldaie a gas, l’Europa dice stop: la soluzione da mettere in atto subito

La situazione legata alla gestione delle caldaie a gas cambia del tutto. Dall’Europa il monito che anticipa lo stop già pianificato.

La situazione attuale, cosi com’era, non era certo trasportabile a un più o  meno immediato futuro. Il modo in cui al momento, i cittadini affrontano il proprio quotidiano, non può di certo essere appoggiato in eterno. Alcune strumentazioni, per esempio, non potranno più essere utilizzate cosi come ora. Una cosa su tutte, per esempio, la caldaia a gas. Secondo le disposizioni che arrivano dall’Europa, proprio questo strumento ha di fatto gli anni contati.

Stop caldaia a gas
La disposizione europea – informazioneoggi.it

La direttiva Case green, che arriva dall’Unione Europea e prevede, attraverso uno specifico accorso che sta, di fatto, per essere ufficialmente concretizzato. Il divieto di possedere caldaie a gas, inizialmente previsto a partire dal 2030 è stato invece spostato al 2040. In teoria ci sarebbe tutto il tempo per adeguare la propria abitazione, ma non solo, alle nuove specifiche direttive.

Caldaie a gas, l’Europa dice stop: cosa succederà tra qualche anno

La restrizione in questione, che andrà quindi in vigore nel corso del 2040, non andrà a riguardare, però coloro che in quel momento avranno una caldaia a gas presente in casa o in altro tipo di struttura, ma coloro che avranno esigenza di acquistarne una. Non sarà più possibile, quindi produrre e vendere caldaie a gas.

Nella fase intermedia, cosi come prevedibile, sarà fatto largo uso di incentivi per spingere gli stessi cittadini costretti ad acquistare una caldaia verso specifiche e più innovative, per quegli anni, soluzioni. Il contesto futuro, insomma, metterà gli stessi cittadini in condizione di concepire tutt’altre posizioni in merito al rispetto dell’ambiente, l’efficienza energetica a quant’altro.

Per arrivare a tale condizione e anche consapevolezza, ci sarà bisogno ancora di qualche anno però. L’obbligo di sostituire la propria strumentazione, per esempio, sarà obbligatoria presso tutti gli edifici pubblici e considerati non residenziali. Il tutto considerando una certa misura dello stesso immobile in questione. Cadrà, inoltre, l’obbligo, in fase di ristrutturazione, di portare un immobile a una specifica classe energetica entro un anno prestabilito.

Operazione comunità europea
Stop caldaia a gas nel 2040 – informazioneoggi.it

Ogni cittadino, in piena libertà, avrà la possibilità di stabilire il proprio percorso e porsi, di conseguenza, obiettivi intermedi mirati al raggiungimento di un fine complessivo molto più concreto. Il traguardo, quello che alla fine del percorso condurrà all’anno 2050, condurrà a una condizione che prevede una percentuale di risparmio energetico più che mai consistente. Il futuro, insomma, sarà scandito da questa specifica ambizione.

Lascia un commento


Impostazioni privacy