Truffa del QR Code: ci cascano in molti per scaricare menù o altro | Cosa fare per non cadere in trappola

Di truffe si sente ormai parlare tutti i giorni e da qualche tempo ve ne è una alquanto nota quella del QR Code: ecco di cosa si tratta

Come in tantissimi sicuramente già sapranno, di truffe ormai si senta parlare quasi tutti i giorni per cui è importante imparare a riconoscerle e a difendersi; da un po’ si sente parlare della truffa del QR Code, ma di cosa si tratte precisamente? Ecco cosa c’è da sapere in merito all’argomento.

Truffe, come funziona quella del QR Code?
Truffe: ecco come funziona quella del QR Code (informazioneoggi.it)

Durante il corso dell’anno si è spesso sentito parlare di truffe, in tanti ne sono stati vittime e nonostante gli avvertimenti della Polizia Postale, spesso, è difficile capire quando si è incappati in un link, una pagina web o un acquisto fraudolento.

Tra i vari raggiri vi è anche quello del QR Code che forse non tutti hanno sentito nominare di recente. Il cosiddetto Qrshing è una delle ultime frodi messe in campo, ma come funziona?

Solitamente, i QR Code inquadrati dai vari cellulari indirizzano direttamente ad un sito web ben specifico, ma di sovente questi sono utilizzati anche per fare un pagamento senza la necessità del contante oppure di una carta di credito presso diversi store.

Per consentire ai cittadini di non incappare in tale truffa, la Polizia Postale sul proprio sito ha spiegato in primis cos’è e a cosa serve un QR Code e poi ha continuato spiegando che tali codici potrebbero essere allegati a mail e che se vengono letti da un cellulare potrebbero portare ad un sito fraudolento.

Truffe, come difendersi da quella del QR Code? Le informazioni utili

La truffa del QR Code è già in giro da un po’, ma dal momento che potrebbe essere semplice esserne vittime è importante capire come difendersi da questa tipologia di modalità fraudolenta.

Truffe, come funziona quella del QR Code?
Truffe: ecco come funziona quella del QR Code (informazioneoggi.it)

Ad allertare i cittadini oltre alla Polizia Postale ci ha pensato anche Confconsumatori che ha spiegato come può avvenire tale truffa. Il primo modo prevede l’utilizzo di una guaina trasparente messa sui codici veri, questa metodologia risulta complicata da contrastare dal momento che può avvenire davvero dappertutto.

Il secondo modo è molto simile al primo, ma il QR Code è posizionato accanto ad un marchio famoso, in questo modo il malcapitato si fiderà e resterà imbrigliato nella truffa. Infine, vi sono i QR Code per i falsi buoni sconto.

Ma come ci si può difendere da tale truffa? In primis è importante guardare con molta attenzione i QR Code per capire se vi sono stranezze. Poi, risulta molto importante capire chi ha generato il QR, solitamente quelli che non fanno richiesta di info personali risultano più sicuri.

Bisogna poi controllare con molta attenzione gli URL abbreviati. È poi molto importante dotarsi di app di sicurezza, sia sul proprio PC che sullo smartphone, così da ridurre i rischi.

Clicca qui per leggere l’avviso completo della Polizia Postale.

Impostazioni privacy