Covid, aumentano i contagi e i morti, 3 Paesi a rischio: l’Italia è pronta? Cosa sta succedendo

Impossibile non notare il susseguirsi di notizie inerenti il Covid: aumentano i contagi e sembra che il virus stia tornando pericoloso.

Chi pensava che la pandemia fosse soltanto un brutto ricordo del passato forse dovrà ricredersi. Da più parti arrivano “allarmi” sull’incremento di infezioni e decessi, causati dalle varianti del Covid.

aumentano i contagi di covid in tutto il mondo
Il Covid torna a fare paura e i Paesi di tutto il mondo si preparano ad una nuova battaglia – InformazioneOggi.it

Se la malattia si è fatta sentire anche in una stagione calda, il timore è che ad autunno esploderanno altri focolai, andandosi a sommare con l’influenza stagionale. I numeri che stanno emergendo dai report di Regno Unito, Germania e dell’Europa in generale non sono rassicuranti.

Probabilmente siamo solo all’inizio, e secondo il CDC forse non arriveremo ai livelli iniziali della pandemia ma non dobbiamo abbassare la guardia. Si prospettano picchi soprattutto nella prossima – e vicina – stagione autunnale.

Aumentano i contagi di Covid, quali sono i Paesi maggiormente colpiti

Le varianti recentemente scoperte stanno preoccupando gli esperti: nel Regno Unito sembra che la variante Eris stai causando un picco di infezioni.

il mondo combatte ancora con il covid
Il mondo si sta preparando a nuove pandemie – InformazioneOggi.it

Dalla fine di luglio, in una sola settimana, sono aumentati i contagi e anche i ricoveri: si è passati da 1,97 su 100 mila a 1,47 in soli sette giorni. I casi stimati sono passati dai 600 mila di inizio luglio a 870 mila.

Gli esperti inglesi però hanno opinioni discordanti in merito: alcuni sostengono che l’aumento delle infezioni sia dovuto in parte a Eris ma anche al calo delle difese immunitarie dovute dalla campagna vaccinale. Altri pensano che non si debba più avere paura del Covid poiché adesso è stato declassato a “comune influenza”

Campagna vaccinale che è molto attesa anche in Italia, e che dovrebbe iniziare già a fine settembre. Sia gli Stati Uniti che l’Europa, tra l’altro, stanno aspettando l’approvazione dei nuovi vaccini a mRNA aggiornati contro le varianti.

In Germania, nel frattempo, le cose non vanno meglio. Gli ultimi dati riportano almeno 2400 infezioni in più, causate dalla variante EG-5, tenuta sotto stretta sorveglianza anche dall’OMS. La stessa variante sta prendendo campo anche in Israele, Danimarca e Stati Uniti. Nel mondo, ad oggi, si sono registrati 769 milioni di casi di Covid e i decessi sono arrivati a 6,9 milioni.

La situazione in Italia

Fortunatamente sembra che il nostro Paese al momento sia “ignorato” dal virus, anche se ovviamente l’allerta resta. In una settimana, quella a cavallo di ferragosto, l’Italia ha registrato 5919 nuove infezioni ma che rappresentano un -4,4% rispetto alla settimana precedente.

Si contano però anche 56 decessi, anche se in percentuale siamo a un -16,4% sempre rispetto alla settimana antecedente. I dati arrivano dal bollettino diffuso settimanalmente a seguito delle disposizioni della Premier Meloni.

Tutte le realtà competenti non hanno mai abbassato la guardia e adesso il monitoraggio sarà ancora più attento. Nel mentre si attende l’arrivo dei nuovi “booster” aggiornati prodotti da Pfizer e Moderna, che sono sotto esame della FDA per l’approvazione, che arriverà entro la fine dell’estate.

In autunno, in Italia ma presumibilmente a livello globale, comincerà la nuova campagna vaccinale, già prevista e normata da molti mesi. Sarà effettuata in concomitanza della vaccinazione antinfluenzale in modo da dare ancora più protezione dalle forme gravi delle malattie. Al momento non sono previsti obblighi ma forti raccomandazioni per le categorie a rischio.

Impostazioni privacy