Monete, collezionista senza paura ti offre 300 mila euro se gli trovi questi 20 centesimi | Non è facile, ma nemmeno impossibile

Come si fa a ragionare, oggi, in termini di collezionismo. Tutto ha un prezzo, ogni esemplare può averne uno, anche ignoto ai più.

Di questi tempi il mondo del collezionismo ha senza dubbio fatti da gigante se consideriamo lo stesso contesto negli anni passati. L’avvento del web ha letteralmente stravolto le carte in tavola, offrendo agli stessi appassionati una sorta di qualità per quel che riguarda la gestione stesse di quella che per molti è una vera e propria passione. Pochi click, pochi secondi e davanti agli occhi, grazie a un dispositivo qualsiasi e a una connessone può aprirsi un mondo dorato e in qualche modo assolutamente parallelo.

Esemplari moneta euro
Il valore di uno specifico esemplare – informazioneoggi.it

L’euro, moneta ufficiale in gran parte dei paesi appartenenti al continente europeo è in circolazione ormai da circa vent’anni. Una vita breve, insomma, ma non per questo priva di soddisfazioni dal punto di vista della collocazione di specifici esemplari sul mercato collezionistico.

Pensiamo a quello che accade, per esempio con moltissime monete da 2 euro, esemplari specifici spesso utilizzati dai vari paesi per celebrazioni o commemorazioni. In quei casi i prezzi possono schizzare fino a qualche migliaio di euro. In altri casi, invece, le valutazioni restano ancora molto basse, è la situazione, per esempio, dei tagli da pochi centesimi.

C’è stato un tempo in cui, però, quegli stessi tagli, in altre epoche dunque, hanno significato tutt’altra cosa. Pensiamo ai 20 centesimi di lira, un taglio ormai quasi dimenticato. Un taglio che oggi è letteralmente conteso dai collezionisti di tutto il mondo attraverso i vari esemplari ancora oggi sul mercato.

La ricerca di questi specifici esemplari parte dal Regno d’Italia e si ferma, per forza di cose alla fine del novecento, in seguito all’avvento dell’euro. Uno degli esemplari più apprezzati è quello coniato nel 1863 successivamente a una importante riforma monetaria. Ogni esemplare fu totalmente ridisegnato.

Il pezzo in questione fu denominato “Stemma” in quanto raffigurante lo stesso stemma di Casa Savoia. Pochissimi pezzi realizzati, soltanto 500, questo perché la stessa moneta risultava troppo somigliante allo stesso esemplare da 5 lire in oro.

Monete, 20 cent tra presente e passato: il valore degli esemplari più prestigiosi

Vecchia lira
10 lire preziosa italiana – InformazioneOggi

Quello stesso esemplare, coniato nel 1863 oggi può arrivare a valere una vera e propria fortuna. Un “pezzo” di quella specifica serie può arrivare a valere fino a 30mila euro. Se la stessa moneta è conservata in maniera impeccabile allora il prezzo può ancora salire, fino a 300mila euro. Una valutazione, insomma, davvero straordinaria.

Tra gli altri esemplari della vecchia lira al momento più che mai ricercati dai collezionisti di tutto il mondo possiamo inoltre trovare:

  • 10 lire del 1947: uno degli esemplari più prestigiosi in assoluto della vecchia lira, valore da circa 4.000 euro.
  • 2 lire del 1947: il 10 febbraio del 1947 il Presidente del Cosiglio De Gasperi firma l trattato di pace con gli Stati vincitori della Seconda Guerra Mondiale. Per l’occasione viene coniata una speciale moneta che oggi vale circa 1.800 euro.
  • 1 lira del 1947: Un ramo di arancio e una donna col capo ornato di spighe. Queste le immagini di questa preziosa moneta che oggi vale circa 1500 euro.
  • 50 lire del 1958: 800 mila esemplari per la moneta che raffigura il dio Vulcano batte il metallo sull’incudine valore indicativo circa 2.000 euro.
  • 5 lire del 1955: coniata in 400 esemplari con una valutazione che può raggiungere oggi i 2.000 euro.

Esemplari che hanno fatto senza dubbio alcuno la storia e che oggi vivono nei sogni e nelle ambizioni di milioni di collezionisti in giro per il pianeta.

Impostazioni privacy