Percentuale di grassi che bisogna assumere: il rapporto OMS sull’alimentazione per vivere bene

L’OMS ha stilato le nuove linee guida, anche per neonati, bambini e adolescenti: basterà assumere una percentuale dei grassi in totale e saremo tutti più sani.

Ottime notizie per chi non sopporta stare a dieta: le linee guida dell’OMS saranno utili a stabilire un menù sano anche senza rinunce, infatti prevede anche grassi e carboidrati.

percentuale dei grassi giusta oms
L’OMS ci dice quanti grassi possiamo mangiare per stare in salute – InformazioneOggi.it

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha esaminato una mole incredibile di dati ed evidenze scientifiche sull’impatto dell’alimentazione sulla salute e ha stilato un nuovo report.

Le linee guida saranno adottabili dagli adulti ma anche dai bambini piccoli e ragazzi, poiché le indicazioni sono state calcolate per tutte le età. Al momento le indicazioni si sono soffermate sulla quantità ideale di grassi totali, insaturi e trans.

In seguito arriveranno, come dichiarato dall’Organizzazione stessa, “prossime linee guida sugli acidi grassi polinsaturi e i sostituti del sale a basso contenuto di sodio, sostengono il concetto di diete sane.” Già disponibili invece, le linee guida inerenti i dolcificanti senza zucchero e i sostituti del sale con poco sodio.

OMS, ecco cosa fare per rimanere in forma e in salute: l’apporto del 30% dei grassi e altre indicazioni

La volontà dell’Organizzazione e di tutti gli attori partecipanti è quella di arrivar a combattere concretamente l’aumento eccessivo di peso. E dunque di tutte le malattie ad esso correlate.

percentuale dei grassi giusta oms
Cereali integrali a go-go per rimanere in salute secondo l’OMS – InformazioneOggi.it

Per ridurre i rischi di diabete, malattie cardiovascolari e ictus, però, non dovremo metterci a dieta “forzata”. Le indicazioni tengono conto del fatto che sia la qualità che la quantità contano, e una dieta sana deve essere equilibrata. Ecco i punti principali del documento.

  • Grassi al massimo il 30% dell’apporto energetico totale, anche meno preferibilmente, e orientarsi verso acidi grassi insaturi;
  • già dall’età di 2 anni, non dovrebbero essere assunti più del 10% e non più dell’1%, in questo caso parlando di grassi trans (quelli di alimenti industriali o da carni di bestiame ruminante).

A questo proposito ricordiamo che gli acidi grassi insaturi si trovano in molti alimenti, ecco perché è facile superare la soglia del 30% giornaliero. Questi grassi sono nei latticini e formaggi, carne, burro e strutto, ma anche olio di palma e di cocco e ovviamente negli snack e prodotti da forno di provenienza industriale.

  • Come alternativa, i consumatori potranno sostituire parte dei grassi con cereali integrali, alimenti con tante fibre, e naturalmente tutta la frutta e verdura e i legumi;
  • per quanto riguarda i carboidrati (le indicazioni valgono sempre dai 2 anni di età in su) dovranno essere assunti tramite cereali integrali e legumi.
  • a livello di nutrizione in età pediatrica l’OMS ha stabilito quanto segue sul comparto carboidrati: 2-5 anni almeno 250 gr. al giorno; 6 e i 9 anni almeno 350 gr. al giorno; 10 anni+ almeno 400 gr. al giorno.
  • Per le fibre: 2-5 anni almeno 15 gr. al giorno; 6–9 anni almeno 21 gr.; 10 anni+ almeno 25 gr. al giorno;
  • per la popolazione adulta in almeno 400 gr. di frutta e verdura e 25 gr. di fibre quotidianamente.
Impostazioni privacy