UniCredit: da Nord a Sud chiude filiali, clienti increduli e disperati

Anche UniCredit chiude filiali e bancomat e la situazione spaventa molti clienti lasciandoli increduli e spaventati.

UniCredit, nata dalla fusione tra Unicredito e credito bancario, è una banca molto famosa non solo in Italia ma anche all’estero.

unicredit
InformazioneOggi

Infatti, nel tempo, inglobando vari istituti di credito (anche esteri) è diventata il terzo gruppo bancario occidentale. Tuttavia, da tempo il Gruppo ha annunciato la chiusura delle proprie filiali. Molti clienti si chiedono il perché.

UniCredit e la chiusura delle filiali: cosa c’è dietro?

A ottobre 2022 Unicredit ha ricavato più di 20 miliardi dopo l’acquisizione dell’azienda ICT Unicredit Service SCpa. Nonostante l’attuale solidità economica il Gruppo continua con il suo piano di chiusura delle filiali, piano che terminerà nel 2024.

Nel 2020, infatti, UniCredit, dopo una riunione con i sindacati ha mandato in pensione anticipata il personale in età di pensione e ha chiuso 450 filiali solo sul territorio nazionale. La motivazione che ha spinto la banca a fare questa scelta è il piano di investimento 2019-2023 che dovrebbe portarli alla “nuova” era digitale di tutte le operazioni. Insomma, si tratta della stessa motivazione adottata anche da un altro Gruppo bancario: Intesa San Paolo.

Il personale è ancora in esubero: si tratta, come annunciato dallo stesso Gruppo bancario di oltre 6mila lavoratori. Di conseguenza, ci saranno ulteriori chiusure e poiché non ci sono state risposte da parte dell’amministrazione, i clienti sono costretti ad accertarle.

Le filiali che chiuderanno

Entro fine 2023 chiuderanno alcune filiali in Lombardia e Sicilia. In particolare, le filiali che chiuderanno in Lombardia sono 8 e dislocate nelle seguenti province:

  • Bergamo – Comune di Caravaggio – filiale di via Moietta;
  • Brescia – filiale di via Vittorio Veneto;
  • Cremona – Comune di Bagnolo Cremasco – filiale di via IV Novembre;
  • Mantova – Comune di Sustinente – filiale di via Monsignor Trazzi;
  • Milano – Comune di Cesano Boscone – filiale di via Milano;
  • Pavia – Comune di Rivanazzano – filiale di piazza Cornaggia;
  • Varese – Comune di Laveno Mombello – filiale di via Diaz.

In Sicilia, invece, le filiali che chiuderanno saranno 11 e in particolare quelle ubicate nelle seguenti province:

  • Agrigento – filiale di via Imera;
  • Caltanissetta – filiale di via Don Minzoni e filiale distaccata del Comune di Marianopoli;
  • Catania – filiale dei comuni di Aci Catena e di Militello Val di Catania;
  • Messina – filiale del Comune di Naso;
  • Palermo – filiale di via Dante e le filiali dei comuni di Caltavuturo e Camporeale;
  • Ragusa – Comune di Modica – filiale di corso Regina Margherita
  • Trapani – filiale nel Comune di Santa Ninfa.

Lascia un commento


Impostazioni privacy