Truffe agli Anziani in aumento: annuncio della Polizia Postale e come difendersi

Le Truffe agli Anziani, purtroppo, sono in aumento e l’unico modo che abbiamo per contrastarle è aiutare le Forze dell’Ordine.

Uno di questi modi è divulgare il più possibile le informazioni sulle dinamiche delle truffe, così che possiamo riconoscerle e tutelarci.

Truffe agli Anziani
InformazioneOggi

Dobbiamo infatti avvisare i nostri cari e tutti i conoscenti, così che i nonni e i parenti di età più avanzata sappiano cosa sta succedendo. E possano evitare di cadere nelle trappole ordite dai criminali.

I malviventi, infatti, prendono di mira maggiormente gli anziani, perché sanno che si trovano di fronte a soggetti “deboli”. Non tanto e non solo fisicamente, ma più che altro emotivamente. Appartengono a generazioni che avevano più fiducia negli altri, hanno visto un mondo forse più onesto del nostro, e hanno anche tanto bisogno di attenzioni.

Sappiamo benissimo quanto i nonni tengano ai loro figli e nipoti, e che farebbero di tutto per vederli felici. Ed è proprio su questo che i criminali attuano le truffe. Andiamo a capire come funzionano.

Truffe agli Anziani in aumento, ecco l’annuncio della Polizia Postale e come difendersi

Negli ultimi giorni la Polizia Postale ha diffuso sulle sue pagine Social un’allerta: è in aumento la “Truffa del falso nipote” e molte persone anziane hanno già subito danni. La truffa è molto semplice: qualcuno chiama al telefono la vittima fingendosi un nipote in difficoltà. Può raccontare svariate storie, ma il fine è sempre lo stesso: chiedere soldi.

Per averli, può chiedere all’anziano di fare una ricarica su una Carta Ricaricabile – azione facilmente eseguibile in Tabaccheria – oppure un bonifico. In alcuni casi, magari se l’anziano non ha confidenza con suddette procedure, gli dice che un amico passerà a prendere soldi in contanti, direttamente a casa.

Purtroppo l’animo buono e ingenuo degli anziani dà forza ai malviventi, che riescono spesso a ottenere soldi oppure gioielli.

L’unica cosa che possiamo fare è informare i nostri cari di quanto sta avvenendo. Chi riceve una telefonata da un presunto parente in difficoltà è invitato ad assicurarsi che sia vero, magari chiamando qualche altro familiare. Inoltre, anche al minimo sospetto di tentativo di truffa è sempre bene chiamare le Forze dell’Ordine, che ascolteranno senza giudicare e faranno di tutto per portare aiuto.

Infine, anche noi contribuiamo grazie alla professionalità del nostro staff interno.

Chi ha un dubbio e pensa di stare subendo o di aver subito una truffa, può inviarci una sua comunicazione. Il team di InformazioneOggi si avvale di Esperti che potranno consigliare cosa fare per tutelarsi. Basterà inviare una mail con i propri dubbi o quesiti qui: Segnalazione truffe.