Pensione reversibilità ai figli: attenzione a non commettere questo errore, si perde il beneficio

La pensione di reversibilità è una misura erogata ai familiari come sostegno dopo il decesso del coniuge o del genitore pensionato (o lavoratore).

Spetta i coniugi ma anche ai figli minorenni, ai figli inabili al lavoro e a quelli maggiorenni se studiano. L’importante è che risultino a carico del genitore al momento del decesso.

pensione reversibilità
InformazioneOggi

In quest’ultimo caso, devono frequentano una scuola superiore o un corso di formazione fino ai 21 anni oppure l’università fino al compimento dei 26 anni. La quota che spetta ai figli maggiorenni è del 20% percepita dal genitore. Lo studente potrà lavorare oppure rischia di perdere la pensione?

Pensione reversibilità ai figli: attenzione a non commettere questo errore per non perdere il beneficio

La quota che il figlio percepisce dalla pensione di reversibilità potrebbe essere talmente bassa che in molti pensano di arrotondare con un lavoretto così da percepire un reddito proprio. A tal proposito, potrebbe interessare anche il seguente articolo: “Pensione di reversibilità: gli effetti della perequazione saranno sorprendenti

In realtà, la normativa sulla pensione di reversibilità prevede che il figlio maggiorenne studente non possa svolgere una attività lavorativa. In caso contrario il rischio è la perdita della pensione. Per fortuna, la Corte costituzionale è intervenuta su questo argomento. Infatti, ha stabilito che un figlio che percepisce la pensione di reversibilità potrà lavorare solo se l’attività lavorativa sia precaria e saltuaria.

In questo modo, il reddito percepito sarà modesto e, di conseguenza, la pensione potrà essere conservata. Attenzione però a non deve superare l’importo minimo della misura maggiorato del 30% che, per il 2022, è di 525 euro mensili, ovvero 6.825 euro all’anno per 13 mensilità. Come conseguenza, l’importo del reddito personale da percepire dovrà essere inferiore o pari a circa 8.872 euro annui.

Per riassumere, se si svolgono lavoretti saltuari e non si supera il reddito suddetto un figlio maggiorenne studente non rischia di perdere la pensione di reversibilità che percepisce dopo la morte del genitore.