Bonus 30mila euro per chi si trasferisce, l’occasione da non perdere ed è per tutti, sul serio

Bonus fino a 30mila euro per chi si trasferisce in questo meraviglioso comune italiano? Ecco cosa c’è da sapere e il bando

Molti comuni del sud Italia continuano a spopolarsi e per evitare la completa assenza di cittadini alcuni di questi propongono incentivi davvero molto interessati: ecco di cosa si tratta e cosa c’è da sapere in merito.

bonus 30mila euro
Informazione Oggi

Il bonus da 30mila euro è destinato a chi vorrà trasferirsi in un famoso comune pugliese e cioè Presicce Acquarica. Il comune si trova in provincia di Lecce. La decisione è stata presa proprio favorire i trasferimenti dei cittadini in questo meraviglioso luogo.

Come già è accaduto, anche questo bonus ha l’obbiettivo di mitigare lo spopolamento di alcuni luoghi italiani ed evitare che questi posti diventino desolati.

Per evitare lo spopolamento, la cittadina è all’opera per redigere il bando cosicché i soggetti interessati possano parteciparvi. Questo sarà destinato alle persone che decideranno di comprare una proprietà storica del luogo.

Per ora il valore di 1 metro quadro è di circa cinquecento euro e si prova ad incentivare i soggetti interessati a fare un investimento in questo bel comune.

È dunque molto importante sapere cosa c’è scritto sul bando, anche se questo risulta essere ancora in lavorazione.

Bonus 30mila euro per chi si trasferisce a Presicce Acquarica: cosa c’è da sapere

I bonus erogati dal Governo in questi anni sono stati davvero utili per aiutare i cittadini a far fronte all’aumento dei prezzi. Ora è possibile ricevere un rimborso fino a 3.000 euro, ma come? Ecco cosa c’è da sapere in merito.

Ritornando all’argomento cardine di questo articolo, vi sarebbe dunque la possibilità di ricevere fino a 30mila euro per chi vuole trasferirsi nel piccolo comune leccese Presicce Acquarica.

Il bando da considerare è il ‘Benvenuti‘. Questo, anche se non è ancora completo, è già molto noto, infatti, anche la Cnn ha menzionato tale iniziativa.

Questa potrebbe essere un’occasione davvero molto interessante per tutte quelle persone che magari vogliono trasferirsi in un posto tranquillo e soprattutto lontano dal caos della grande metropoli.

Il bando in questione, secondo le ultime notizie, potrebbe essere reso noto durante la settimana prossima oppure verso il termine del 2022. Anche se il bando non è ancora attivo, vi sono già i primi effetti.

Vi sarebbero, infatti, già diverse domande di acquisizione per le abitazioni propio nella zona sopracitata. Anche se al momento non si conosce nello specifico il bando, vi dovrebbero essere delle agevolazioni per coloro che non risiedono già ad Acquarica. Queste dovrebbero riguardare sia l’acquisto che la ristrutturazione degli immobili.

L’amministrazione locale ha un fondo di più o meno 150.000 euro. La previsione è quella di dare una copertura del cinquanta per cento della spesa fatta per comperare un immobile ed anche per ristrutturarlo. Il rimborso massimo sarebbe di trentamila euro.

Vi saranno però delle condizioni per ricevere il bonus. La misura in questione sarà data solamente nel caso che il soggetto interessato all’acquisto abbia deciso di avere la sua residenza nel borgo in questione per almeno dieci anni da quando si è comperata la casa.

La misura potrebbe essere stanziata anche durante gli anni a venire. Il Comune, nel frattempo, pensa già a nuove misure da proporre ai soggetti che decideranno di trasferirsi ad Acquarica.

Come fare richiesta?

Come già detto in precedenza, non è ancora noto tutto in quanto il bando non è stato ancora reso pubblico. Ma vi sarebbero già molti soggetti interessati.

Nel 2011 il borgo in questione è stato inserito all’interno di una lista come uno dei più bello d’Italia. Molto probabilmente, la modalità di partecipazione al bando sarà molto semplice, infatti, vi potrebbe essere soltanto la necessità di leggere il bando e inviare domanda. La cosa più imperante da fare è quella di capire se si rispettano tutti i parametri e allegare i documenti giusti.

Impostazioni privacy