Aumento in busta paga da dicembre per questi dipendenti, un Natale ricco

Retribuzione maggiorata di tre volte: è tutto vero, il surplus in arrivo per il prossimo dicembre. Un aumento che riguarderà tutti i dipendenti pubblici.

Stipendi che vedono surplus contrattuali e arretrati. Il tutto destinato a un numero superiore ai 400mila dipendenti.

dicembre aumenti
InformazioneOggi

Nel nostro Paese si conta una percentuale pari all’85% di dipendenti cui competerà la ricezione non solamente dell’abituale retribuzione e della tanto attesa tredicesima, ma anche un terzo importo che annetterà i surplus contrattuali e gli arretrati andati cumulandosi tra il 2019 e il 2021, questi attendendo imminente rinnovo.

A dicembre aumenti per tutti, buste paga più ricche, surplus e arretrati in arrivo

La somma in surplus messa in conto, sarà coperta da 5 miliardi di euro lordi che andranno pertanto a essere ripartiti negli stipendi dei dipendenti.

Per quel che concerne l’importo destinato ai singoli, qualunque sia la fattispecie, surplus o arretrati, il tutto varierà in base alla posizione economica ricoperta. Per quanto riguarda i surplus si comincia dall’importo più basso di 56,1 euro lordi mensili (posizione A1) a quello più elevato di 104,28 euro al mese (posizione D7), giungendo, con gli accorgimenti supplementari, anche a 117,53 euro.

Passando agli arretrati, la variazione fluttua dai 1.210 a circa 2.252 euro lordi, con un importo mediamente prossimo ai 1.727,63 euro.

Chi riceverà il surplus in busta paga? E chi no?

Gli importi, poi, aumentano ancor di più in prospettiva del nuovo contratto che vincola la crescita del recente indennizzo di vacanza contrattuale, certificato dallo scorso aprile per i prossimi tre anni.

Passiamo ora ai destinatari di tali surplus rimunerativi in arrivo a dicembre.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

A ricevere buste paga più ricche saranno professori, lavoratori della sanità, degli enti locali e delle camere di commercio. D’altro canto non percepiranno tale aumento i dipendenti dei ministeri e degli Istituti fiscali il cui contratto aveva già ottenuto rinnovo nel corso di maggio 2022.