Cartelle esattoriali, non tutte saranno cancellate: quali debiti resterebbero?

Si aspettano aggiornamenti sulle cartelle esattoriali, ma non tutte verrebbero cancellate: le ragioni e di quali debiti si tratta

Tiene banco il tema che si lega alle cartelle esattoriali, con tanti che aspettano aggiornamenti per la possibile sanatoria in ottica governo: ma non tutte potrebbero rientrarvi, quali le escluse e dettagli al riguardo.

cartelle esattoriali
InformazioneOggi

Si attende quella che potrebbe essere una profonda sanatoria delle cartelle esattoriali, tra le maggiori degli anni recenti. Di una entità maggiore rispetto alle cancellazioni d’ufficio legate a quelle di qualche tempo fa sino al 2010, così come rispetto alle rottamazioni uno, due e tre più recenti. Idem per saldo e stralcio.

Le intenzioni del nuovo Esecutivo a guida Giorgia Meloni potrebbero arrivare sino al 2015. Tuttavia, occorre sottolineare che così come molti debiti potrebbero venir cancellati, altri invece potrebbero restare.

Come un debito ‘diventa’ cartella esattoriale

Tema dunque di grande rilevanza e che desta attenzione, quello inerente la questione cartelle esattoriali: ecco cosa potrebbe accadere con le multe non pagate e cosa c’è da sapere.

La questione di quali cartelle potrebbero restare fuori dall’attesa e possibile sanatoria tiene dunque banco. Quello che sarebbe il limite temporale del 2015 rispetto ai ruoli cancellabili oppure che saranno parte della sanatoria stessa, già di per sé lascerebbe fuori molti debiti.

Dunque si tratta di un elemento dalla grande attesa ed importanza, ma con degli aspetti comunque da approfondire. Al fine di divenire cartelle, i debiti verso gli enti pubblici, siano essi quelli locali, oppure l’AdE, per esempio, necessitano di un certa tempistica. Due/tre anni di tempo generalmente.

A provare ad incassare in primo luogo è l’ente cui si indirizza la tassa, il tributo o l’imposta. In seguito poi, il medesimo va a cedere le operazioni di incasso all’Ade-Riscossione. Come spiega Investireoggi.it, nella nuova come nelle precedenti sanatoria, sono le cartelle ad andarci. E non invece i debiti che non sono divenuti ancora cartelle esattoriali.

Potrebbe essere il caso ad esempio del bollo auto che risale al 2013-2014, che potrebbe ancora essere tale mani della Regione cui si legava il pagamento. Qualora non fosse ancora cartella, pur risalendo a prima del 2015, si tratterebbe di un debito che non rientrerebbe tra i vantaggi circa il punto in questione della sanatoria. E dunque lo si dovrà pagare come prima.

Quali cartelle esattoriali potrebbero essere cancellate con la sanatoria

Al contempo, un ragionamento analogo si può fare in relazione a TARI, IMU e canone Rai. Da cancellare sarebbero quelle che si legano agli anni prima del 2015, qualora inferiori a mille euro.

Così come circa i debiti di cifre maggiori che potrebbero esser oggetto di agevolazione, mediante sconto e rateizzazione. Il 2015 sarebbe il limite pur per cartelle che saranno oggetto di sconto e dunque dalle cifre più alte.

Si tratta di cartelle dove vi potrebbe essere una cancellazione pari al cinquanta per cento rispetto al debito, e che vedrebbero rateizzazioni da cinque a dieci anni. Tregua fiscale sì, ma comunque con dei limiti e perimetri definiti.

Un aspetto che acquisire maggior probabilità si lega a ciò che sta avvenendo di recente, ovvero all’invio di cartelle esattoriali dall’AdE. In sintesi, vi sarebbe modo per molti di eliminare i debiti più vecchi, quelli ovvero cheti legano ad anni bene precedenti al 2015 e già divenuti cartelle.

In altri casi, quelli più recenti, potrebbero esserne però esclusi.

Sembrerebbe essere molto difficile, forse impossibile, la proposta di una sanatoria rispetto a bollo auto, Canone Rai. E ancora IMU, Tari ecc. Per quanto attiene a quelli minori di 1000 euro. Così come nel caso di debiti con cifre più elevate. E si pensi in tal senso alle omissioni dei contributi previdenziali, oppure quelli inerenti IRPEF.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In particolare modo qualora avessero avuto luogo dal 2013 ad oggi. Dunque una sanatoria con limiti ed un perimetro dunque, al cui riguardo comunque occorrerà attendere per saperne maggiormente e scoprire quali scelte e in quale direzione andrà l’Esecutivo.