Norma sblocca mutui giovani e sostegno alle famiglie e alle imprese, le novità

Durante una riunione della Camera il nuovo governo annuncia un emendamento per sbloccare i mutui giovani under 36 anni.

L’emendamento sarà inserito nel decreto Aiuti ter e include anche misure a sostegno delle famiglie e delle imprese.

mutui giovani
Canva

Ma anche altre saranno le questioni da risolvere per il nuovo governo come il taglio delle accise sul carburante.

Norma sblocca mutui giovani: presentato emendamento dal nuovo governo

Ma in cosa consiste la norma sblocca mutui? Si tratta di una opportunità per i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni (appunto gli under 36) di continuare a usufruire dei tassi agevolati per l’acquisito della prima casa. Questo perché con il rialzo dell’inflazione e la conseguente decisione della banca centrale europea (BCE) di alzare i tassi, i mutui subiranno una notevole impennata.

Quindi, le possibilità per i giovani di richiedere un mutuo potrebbero diminuire, ma con la norma sblocca questo potrebbe non succedere purché gli interessati chiedano un mutuo entro il 31 dicembre 2022.

Per fruire dell’agevolazione è importante rivolgersi al Fondo Garanzia prima casa gestito dalla Consap. Ad accedere saranno i giovani con un’età compresa tra i 18 e 35 anni che fruiranno della possibilità di ottenere una garanzia statale che servirà a coprire fino all’80% dell costo. Inoltre, permetterà anche di ottenere un mutuo a tasso agevolato.

In questo caso, però, dovranno esserci delle condizioni da rispettare, come il TAEG (Tasso annuo effettivo globale). Questo dovrà essere inferiore al TEGM (Tasso effettivo globale medio) che la Banca d’Italia rileva ogni tre mesi.

Di conseguenza, per tutto il 2022 i mutui under 36 anni saranno più bassi rispetto a quelli “standard” e che i giovani potranno accedere anche a degli sconti fiscali.

L’emendamento è molto importante perché, nonostante ci sia la garanzia del Fondo Consap, le banche sono molto restie a concedere un prestito agli under 36 anni. Il motivo è semplice: a causa dell’inflazione i tassi sono aumentati e i mutui agevolati under 36 non più convenienti per le banche e gli altri istituti di credito.

Condizioni da rispettare

Ecco le altre condizioni da rispettare:

  • la casa non deve essere di lusso;
  • il compratore non deve aver compiuto 36 anni nell’anno in cui si stipula l’atto;
  • l’ISEE deve essere inferiore a 40mila euro annui;
  • devono stabilire, entro 18 mesi, la residenza nel comune in cui hanno comprato casa;
  • non essere proprietari, neanche in comunione con coniuge, di altri immobili o proprietà nel comune dove è ubicata la casa che si vuole acquistare;
  • non essere titolare, né possedere quote di altre proprietà o immobili di altre case usufruendo già dell’agevolazione prima casa.
Impostazioni privacy