Il farmaco contro la calvizie esiste, ecco qual è e perché le cliniche di trapianti di capelli rischiano il ‘fallimento’

Ottime notizie per chi soffre di caduta di capelli: il farmaco contro la calvizie esiste, anche se ancora in pochi lo consigliano. Ecco perché.

La calvizie è un problema che affligge milioni di persone in tutto il mondo: sia uomini che donne cercano la soluzione tra tutte quelle possibili.

farmaco contro la calvizie
Canva

Da sempre chi soffre di calvizie tenta in tutti i modi di fermare il fenomeno, o di nasconderlo. Si tratta di un problema molto comune, e che viene vissuto come un disagio sin dalla notte dei tempi.

Infatti, curiosando un po’ in rete, si trovano notizie interessanti circa le soluzioni che venivano adottate per far crescere i capelli. E ve ne sono di incredibilmente strane. Le persone hanno provato con rimedi che oggi potrebbero farci ribrezzo: urina, parti di animale sminuzzate, grasso di topo e chi più ne ha più ne metta.

Quei tempi per fortuna sono passati, ma il problema ella calvizie affligge ancora molte persone. Negli ultimi anni sono state trovate soluzioni abbastanza efficaci, compresi i famosi trapianti di capelli. Non tutti però possono ricorrervi, anche perché i costi sono alti.

Inoltre in commercio esistono tantissimi rimedi che non sempre danno i risultati “promessi”. Parliamo di creme, shampoo o trattamenti esterni che non riescono a risolvere la problematica alla radice. Ed è proprio il caso di dirlo. Non dimentichiamo, poi, che calvizie, alopecia o perdita di molti capelli non sono solamente problemi estetici. Con una corretta diagnosi probabilmente si potrebbero trovare soluzioni migliori.

Ma oggi abbiamo una buona notizia. Esiste un farmaco che forse ha tutte le potenzialità per rivoluzionare i trattamenti contro la calvizie. E “mandare in fallimento” le cliniche di trapianti di capelli.

l farmaco contro la calvizie esiste, ecco qual è

In Spagna si sta “sperimentando” l’efficacia di alcuni farmaci, come il Finasteride o il Minoxidil. Mentre le cliniche per il trapianto lavorano tantissimo, c’è chi cerca altre soluzioni. In particolare, alcuni dermatologi assicurano che in determinati casi il Minoxidil offre risultati davvero incoraggianti.

Ma cos’è questo farmaco? Si tratta in realtà di un medicinale vasodilatatore, antipertensivo, che viene usato addirittura dagli anni ’80. Secondo alcuni esperti, assumerlo per via orale anziché ad uso topico potrebbe dare ottimi risultati contro alopecia e calvizie. Infatti questo principio attivo è già presente nei preparati contro la calvizie, ma solo in quelli per uso esterno.

E allora perché non viene prescritto come terapia orale? In realtà, il Minoxidil non è ancora stato approvato dalla Fda (La Food And Drug Administration statunitense) per questo scopo e nemmeno dall’Aemps, l’Agenzia Spagnola per i medicinali.

Non è la prima volta, però, che un farmaco viene usato per scopi diversi da quelli per cui è nato. Dunque la speranza è che l’interesse verso questa terapia cresca ancora di più. In modo che le autorità competenti possano finalmente dare le autorizzazioni necessarie.

(le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici o pubblicazioni su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi)

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news